Mourinho getta acqua sul fuoco: “La colpa è soltanto mia”

Alla vigilia dell’esordio europeo contro il Manchester City, l’allenatore del Real Madrid Josè Mourinho ha voluto correggere il tiro rispetto alle ultime dichiarazioni in cui aveva affermato di non avere una squadra: “Domani l’avrò. Sia chiaro, se si vince è merito loro, se si perde la responsabilità è mia“.

E’ colpa mia – ha aggiunto il tecnico portoghese – Se qualcuno pensa che io abbia attaccato i giocatori, che sia chiaro: il responsabile sono io”. Dichiarazioni che vanno nel verso opposto rispetto a quelle aggressive di sabato sera, in cui Mourinho affermò che, se fosse stato possibile, avrebbe cambiato 7 giocatori all’intervallo“.

Infine due parole anche sulla partita di domani, già fondamentale per vincere il girone e affrontare una squadra più ‘morbida’ negli ottavi di finale: “Magari mi sbaglio, ma penso sinceramente che domani avremo una squadra determinata, compatta, solidale. Una squadra dove la squadra viene prima di tutto e nella quale tutti vogliono lavorare per gli altri. Una squadra nella quale la gente darà il massimo e sarà al massimo dei propri principi personali, professionali e affettivi. Non farò grandi cambi, e se li farò non voglio segnalare nessuno. Schiererò semplicemente la squadra che ritengo migliore per affrontare un rivale molto complicato, pieno di grandissimi giocatori“.

Il Manchester City è avvisato, Mourinho e i suoi sono molto carichi.

Condividi
Nato a Genova nel maggio 1992; è un appassionato di calcio, basket NBA e pallavolo (sport che ha praticato per molti anni). Frequenta la facoltà di Scienze Politiche, indirizzo amministrativo e gestionale. Email: alelli@mondosportivo.it