Azzurre autoritarie: Polonia battuta di misura

Prova d’autorità per le Azzurre di Cabrini allo Stadio Riviera delle Palme. Contro la Polonia, dopo una gara non brillantissima ma raramente apparsa rischiosa, il guizzo di Panico dopo 86′ ha regalato i tre punti a un gruppo che guarda ormai alla nuova stagione di club e agli europei di Svezia 2013.

Nona vittoria di fila, primo posto sempre più blindato, Antonio Cabrini sulla scia del lavoro di Pietro Ghedin. C’è un’Italia che vince e convince, a livello internazionale: parliamo della massima rappresentativa femminile, dominatrice del gruppo 1 delle qualificazioni a Euro 2013 e ormai abituata alla vittoria, con chiunque.

Nel match di ieri a San Benedetto del Tronto contro la Polonia, le Azzurre hanno fatto un po’ di fatica ma non hanno mancato l’appuntamento col successo, forti di una difesa mai perforata durante tutto il lavoro di qualificazione e della prolificità in attacco della solita Patrizia Panico, a segno ieri per la novantaquattresima volta in nazionale. Contro Stobba e compagne, l’Italia ha sempre dato l’idea di poter vincere, concedendo solo un tiro in porta, grazie una supremazia territoriale importante soprattutto a livello di fiducia nei propri mezzi. Le avversarie sono state portate a commettere 16 falli (contro i 5 azzurri), a testimonianza del tipo di gara che s’è vissuta. Forse è mancata la brillantezza delle grandi occasioni ma, a ticket per la Svezia già prenotato e con la stagione alle porte, attendersi di più non era troppo lecito. Dopo 86′, la giovane punta del Tavagnacco Alice Parisi ha fallito il rigore concesso dall’arbitro per il mani di Balcerzak. L’ha risolta ribattendo in rete l’eterna Patrizia Panico , che a fine gara ha parlato di una “partita chiaramente sotto tono, a settembre difficilmente facciamo grandi prestazioni. Alla fine anche stavolta abbiamo portato a casa la vittoria e vincere fa piacere, fa morale, dà entusiasmo”.

Il ct Cabrini, poi, ha rimarcato la difficoltà dell’incontro “sotto l’aspetto tattico: la Polonia era chiusa nella sua metà campo e abbiamo cercato di sfruttare gli spazi esterni, ma nel primo tempo non lo abbiamo fatto nella maniera giusta. Meglio è andata nella ripresa. Successo comunque meritato, voluto dalla ragazze che ci hanno creduto fino all’ultimoe hanno cercato la vittoria nonostante la qualificazione già raggiunta. Qualche stimolo poteva venir meno e poi le condizioni fisiche di diverse giocatrici non erano ottimali. È un periodo del resto particolare, il campionato non è ancora iniziato e la forma fisica non può essere quella giusta”.

Prossimo appuntamento per le Azzurre Mercoledì in Grecia, a far visita alla penultima forza del girone e chiudere ufficialmente il girone.

ITALIA-POLONIA 1-0

Marcatrice: 86′ Panico (I)

Condividi
Sardo classe 1987, ama il rugby, il calcio e i supplementari punto a punto. Già redattore di Isolabasket.it e della rivista cagliaritana Vulcano, si è laureato in Lettere con una tesi su Woody Allen. Email: mportoghese@mondosportivo.it