Doppietta di Hernanes e sigillo di Klose, Chievo-Lazio 1-3

La Lazio di Petkovic piace sempre di più: domina il Chievo e con 9 punti in 3 giornate guarda tutti dall’alto. Il Chievo, mai in partita, farà bene a dimenticare subito una prestazione al di sotto delle aspettative. 

HERNANES APRE, KLOSE CHIUDE I CONTI – Di Carlo schiera il suo Chievo con il collaudato 4-3-1-2: in avanti Di Michele e Pellissier sono supportati dagli inserimenti di Théréau. L’undici della Lazio non presenta sorprese con Klose unica punta del 4-3-2-1. L’inizio dei biancocelesti è fulminante: Hernanes si libera dalla marcatura di due difensori clivensi e con un sinistro dal limite che bacia il palo porta in vantaggio i suoi. Non sono passati nemmeno cinque minuti. I ragazzi di Petkovic hanno in mano il pallino delle operazioni: gli attaccanti del Chievo sono inoperosi e la Lazio ne approfitta per spingere sulle fasce con Konko e Cavanda. A scuotere i padroni di casa ci prova Hetemaj che recupera un buon pallone a centrocampo e con un rasoterra da fuori area sfiora il pareggio. La grande occasione per il Chievo arriva alla mezz’ora con Di Michele che spara su Marchetti da ottima posizione. Come recita il vecchio adagio: gol mangiato, gol subito. Su un tiro sporco di Hernanes deviato da Sorrentino, irrompe Klose che anticipa tutti e mette al sicuro il risultato.

HERNANES SI RIPETE, PELLISSIER ACCORCIA – Sotto di due reti, i padroni di casa iniziano la ripresa all’arrembaggio. Tuttavia la veemenza atletica dei ragazzi di Di Carlo non partorisce altro che qualche cross pericoloso e una serie di sterili calci d’angolo. La Lazio tira i remi in barca e controlla il risultato. La palla per riaprire i giochi capita sui piedi del neo-entrato Moscardelli ma il suo destro a giro è troppo angolato e si perde sul fondo. Ad illuminare la scena ci pensa il solito Hernanes che fa fuori Rigoni e da posizione defilata non lascia scampo a Sorrentino. A risultato acquisito, arriva il gol della bandiera per il Chievo con Pellissier che non sbaglia il rigore assegnato da Rizzoli per fallo di Klose su Sardo.

TRIPLICE FISCHIO – La Lazio ha dato la terza dimostrazione di forza del Campionato, dopo quelle già fornite a Bergamo e col Palermo in casa. La difesa sembra aver assimilato i nuovi movimenti e i centrocampisti segnano con continuità. Se non si agitasse sul club capitolino lo spettro di una possibile penalizzazione legata al Calcioscommesse, verrebbe da dire che la Lazio è da scudetto. Per il Chievo si tratta di una brutta sconfitta che sottolinea quanto sia lunga la strada per la salvezza.

Top Lazio: Hernanes; Klose; Candreva. Flop: Mauri.
Top Chievo: Pellissier; Luciano; Hetemaj. Flop: Di Michele.

CHIEVO-LAZIO 1-3

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Sardo; Dainelli; César, Frey; L. Rigoni; Luciano; Hetemaj (61° M. Rigoni); Théréau (80° Stoian); Di Michele (60° Moscardelli) ; Pellissier. A disp. Squizzi; Farkas; Jokic; Dettori; Guana; Cruzado; Papp; Vacek; Cofie.  All. Di Carlo.
Lazio (4-3-2-1): Marchetti; Cavanda; Dias; Biava; Konko (45° Scaloni); Gonzalez (66° Cana); Ledesma, Candreva (79° Ederson); Hernanes; Mauri; Klose. A disp: Bizzarri; Lulic; Onazi; Zarate; Kozak; Rocchi; Brocchi; Floccari. All. Petkovic.
Arbitro: Rizzoli.
Reti: 4° e 74° Hernanes; 38° Klose (L); 82° Pellissier rig. (C)
Note: ammoniti Sardo; Dainelli, César (C); Cavanda, Ledesma (L)

Condividi
Nato a Roma il 19 novembre 1988, vive e lavora nella Capitale. Laureato in Scienze della Comunicazione, collabora con vari siti d’informazione sportiva. Ha fatto parte della prima avventura di Mondopallone. Recidivo. Email: vdardanelli@mondosportivo.it