“Io mi faccio una sveltina”

In principio fu Wagner Love, poi venne il turno di Zé (Eduardo) Love, ora è la volta di Fred, che con Love non ha niente a che fare, ma che in materia di sesso di certo non le manda a dire. Che oltre a far girare la palla, intesa come “strumento di lavoro”, i calciatori brasiliani fossero maestri anche nell’arte amatoria è ormai argomento risaputo; quello che ancora non conoscevamo era la loro dotta scienza nell’approcciarsi alle partite e, in particolar modo, ai loro rituali sessuali al grido di “chi se ne frega, lo faccio lo stesso” pre gara. Del resto, non ha caso hanno vinto cinque volte la Coppa del Mondo.

L’ultimo esponente di questa mascolinità sudamericana è, appunto, l’ex attaccante del Lione Fred, che attualmente milita nella formazione del suo paese della Fluminense. Intervenuto alla trasmissione televisiva “Altas Horas”, su TV Globo, il calciatore ha candidamente ammesso di non aver problemi a fare sesso prima di una partita, anche se, per sua stessa ammissione, preferisce optare per la variante della sveltina, meno impegnativa da un punto di vista muscolare e per questo meno “pericolosa” per quanto riguarda eventuali guai fisici.

Molta gente mi chiede se il sesso prima di una partita possa condizionare la prestazione in campo. Io credo che non comporti alcun problema. Allora basta una “sveltina” ed è tutto a posto…“, questa la confessione di Fred durante il programma dell’emittente brasiliana; ammissione che ha trovato conferma nelle parole di una sessuologa invitata in trasmissione, secondo la quale, al momento, non esistono studi che dimostrano che fare sesso prima di una partita crei eventuali problemi ai calciatori.

 

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.