Outing dalla Bundesliga: “Sono omosessuale, ma recito ogni giorno”

Piomba come un fulmine a ciel sereno la dichiarazione (rilasciata alla rivista “Fluter“) di un giocatore della Bundesliga che, per paura di eventuali ripercussioni, preferisce restare nell’anonimato. “Sono omosessuale, ma sono costretto a recitare ogni giorno. Se la mia sessualità diventasse pubblica, non sarei al sicuro. Ma non so se sarò in grado di mantenere  per tutta la carriera questa continua tensione fra il modello di giocatore eterosessuale e la possibile scoperta

Lo stesso giocatore conferma di conoscere altri colleghi che si trovano nella sua stessa condizione. Fortunatamente, all’interno dello spogliatoio, la sua situazione non ha creato troppi imbarazzi ed è stata accettata dai suoi compagni di squadra: “Non conosco nessun giocatore in tutto il campionato che abbia un problema di questo tipo. Certo, alcune situazioni come la doccia, all’inizio, mettevano a disagio sia me che loro. Ma non ho alcun interesse per altri giocatori e ad un certo punto la cosa è diventata poco importante per tutti. Alla fine, nonostante la loro reputazione, i miei colleghi non sono ignoranti

Il ragazzo in questione, infatti, è maggiormente preoccupato per tutto quello che potrebbe accadere al di fuori dello spogliatoio (tifosi, stampa) se dovesse decidere di dichiararsi completamente: “Qualcuno potrebbe mai spiegare alla folla indignata prima della partita che i gay, in realtà, sono uomini assolutamente normali e poi scendere normalmente in campo? Inimmaginabile. Allo stadio, o dopo la partita, qualsiasi  sciocchezza all’interno del gruppo, sarebbe trasformata in un grande caso“. Continua, poi, rispondendo all’appello del presidente della federcalcio tedesca Theo Zwanziger, che ha invitato i calciatori a dichiarare liberamente la propria omosessualità: “Tutto si può dire quando non devi andare allo stadio il giorno dopo per la partita. Forse la portata del problema sarebbe minore se tutti i giocatori uscissero allo scoperto, ma anche da questo punto di vista al momento ho poche speranze

Sulla vicenda, che ha avuto un grande impatto mediatico in Germania, è intervenuta in prima persona la cancelliera Angela Merkel: “Tutti coloro che si assumono il rischio e che hanno il coraggio (di rilevare la propria omosessualità, ndr) devono sapere che vivono in un paese dove non c’è nulla da temere. E’ il mio messaggio politico. Possiamo dare un segnale forte: non abbiate paura

Condividi
Nato a Gaeta nel 1988. Appassionato di (grande) calcio, ma anche di molti altri sport. Dopo aver calpestato svariati campi di terra ed erba, ha deciso di tentare la sua prima avventura in una redazione.