Zanetti-Inter: finché morte non vi separi

Una storia d’amore destinata a durare per l’eternità, quella tra Capitan Zanetti e i colori nerazzurri. Una storia nata nell’estate del 1995 (quando arrivò dal Banfield per 5 miliardi di lire) e proseguita, poi, attraverso il consolidamento di uno di quei campioni che hanno scritto pagine memorabili della storia dell’Inter e del calcio in generale.

Adesso che la sua carriera da calciatore è giunta agli sgoccioli (per la carta d’identità, non di certo per le sue prestazioni), resta da stabilire quale sarà il suo futuro una volta appesi gli scarpini al chiodo. Sembra che in Corso Vittorio Emanuele sia già pronto un ufficio tutto per lui, tra quelli più prestigiosi: si parla, infatti, di una poltrona da vicepresidente. A confermarlo è stato proprio Massimo Moratti, il quale ha deciso di rendere i dovuti onori a colui che meglio di chiunque altro ha portato in alto i colori interisti.

Spetterà, quindi, all’argentino il compito di prendere per mano la sua Inter e accompagnarla verso altri traguardi. Insomma, un futuro in ottime mani per la Milano nerazzurra.

Condividi
Nato a Gaeta nel 1988. Appassionato di (grande) calcio, ma anche di molti altri sport. Dopo aver calpestato svariati campi di terra ed erba, ha deciso di tentare la sua prima avventura in una redazione.