Premier League, 3/a giornata: il Tottenham non sa più vincere, bene il City

Dopo le prime gare del sabato della 3/a giornata della Premier League, una cosa è sicura: comunque vada il resto degli incontri, il Chelsea è la nuova capolista solitaria del massimo campionato di calcio inglese. I Blues, che avevano anticipato la loro gara per l’impegno in finale di Supercoppa Europea, guardano il resto della compagnia dall’alto dei loro 9 punti, respingendo i sogni di gloria di Swansea ed Everton, che hanno rispettivamente perso e pareggiato contro Sunderland e West Bromwich.

Dopo due vittorie consecutive, i gallesi di mister Laudrup vengono costretti al pari casalingo dai Black Cats, passati ben due volte in vantaggio al “Liberty Satdium” con Fletcher e altrettante volte ripresi prima da Routledge e poi dal solito Michu, in rete per la terza giornata di Premier di fila. Va decisamente peggio all’Everton: i Toffees cadono 2-0 sul campo di un buonissimo West Bromwich, perdendo la propria imbattibilità stagionale.

Ancora a secco di vittorie il Tottenham di André Villas Boas: gli Spurs pareggiano la seconda gara consecutiva e vedono allontanarsi le posizioni che contano. A “White Hart Lane” londinesi in vantaggio col neo arrivato Dembele, prelevato in settimana dal Fulham, ma Snodgrass a 5′ dalla fine rovina i piani all’ex tecnico del Chelsea, regalando un punto insperato ai suoi. Pareggio spettacolo al “DW Stadium” di Wigan tra i locali e lo Stoke City. Un 2-2 in cui va a segno anche l’eterno Peter Crouch.

Inizia nel peggiore dei modi, invece, la nuova avventura con la maglia del Fulham per il bulgaro Berbatov. L’attaccante, arrivato in settimana dal Manchester United, entra in campo a inizio ripresa, ma non riesce ad evitare ai suoi una pesante sconfitta contro il West Ham, in uno dei tanti derby di Londra. Pratica risolta già nel primo tempo, con gli Hammers in vantaggio dopo un paio di minuti con Nolan e che prima di raddoppiare con Reid, che di testa sfrutta l’ottima assistenza di Taylor, poi firmano il tris con lo stesso centrocampista inglese al 41′.

Il programma delle partite del sabato si è chiuso in serata col posticipo tra Manchester City e QPR. Vittoria 3-1 dei campioni d’Inghilterra, ma non è stato semplice battere un QPR alla seconda sconfitta stagionale e che ha creato non pochi problemi ai ragazzi di Mancini. Citizens avanti dopo un quarto d’ora col solito Yaya Touré, ma londinesi vivi e a segno con un bel gol di testa di Bobby Zamora. Risultato in bilico però solo 2′, visto che già al 61′ il bosniaco Dzeko sfrutta al meglio l’assistenza di Tevez per battere il portiere avversario Green per la seconda volta. A tempo scaduto proprio l’Apache mette la sua firma.

Premier League – 3/a giornata

Mercoledì 22 agosto
Chelsea-Reading: 4-2 (18′ rig.Lampard (C), 25′ Pogrebnyak (R), 29′  Guthrie (R), 69′ Cahill (C), 81′ Torres (C), 90′  Ivanovic (C))

Sabato
West Ham-Fulham: 3-0 (2′ Nolan, 29′ Reid, 41′ Taylor)
Swansea-Sunderland: 2-2 (41′ e 46′ Fletcher (Su), 45′ Routledge (Sw), 66′ Michu (Sw)
Tottenham-Norwich: 1-1 (69′ Dembele, 85′ Snodgrass)
West Bromwich-Everton: 2-0 (65′ Long, 83′ McAuley)
Wigan-Stoke City: 2-2 (5′ rig.Maloney (W), 40′ rig.Walters (S), 49′ Di Santo (W), 76′ Crouch (S))
Manchester City-QPR: 3-1 (16′ Yaya Touré, 59′ Zamora (Q), 61′ Dzeko, 92′ Tevez)

Domenica
Liverpool-Arsenal
Newcastle-Aston Villa
Southampton-Manchester United

PER CONSULTARE LA CLASSIFICA DI PREMIER LEAGUE CLICCA QUI

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.