Paralimpiadi, tre medaglie per l’Italia

E’ di tre medaglie il bottino complessivo della rappresentiva italiana al termine della seconda giornata delle Paralimpiadi in corso di svolgimento a Londra. Il metallo più pregiato è andato alla modenese Cecilia Camellini, nuotatrice non vedente giunta prima nei 100 metri stile libero. La Camellini ha chiuso la sua prova in vasca facendo segnare il nuovo record del mondo con il tempo di 1’07”29. Il nuoto ci regala  pure il bronzo nei 100 farfalla di Federico Morlacchi, preceduto dall’ungherese Sors e dall’australiano Cowdrey, unici a scendere sotto il minuto.

Argento nell’atletica leggera per la debuttante Oxana Corso, seconda nei 200 metri femminili dietro alla cinese Ping Liu. Male la nazionale maschile di basket in carrozzina che è uscita sconfitta contro Spagna e Usa. Gli azzurri proveranno a rifarsi oggi nel match che li vedrà opposti alla Turchia. Oggi è anche il giorno di Assunta Legnante in gara nella finale del lancio del disco; l’atleta di Frattamaggiore nel 2008 fece parte della spedizione italiana alle Olimpiadi di Pechino, ma l’anno successivo fu costretta al ritiro per le gravi conseguenze di un glaucoma che le fecero perdere la vista. La volontà di non abbattersi e voler continuare a fare sport l’hanno spinta,però, a maggio a raggiungere il minimo per la qualificazione alle Paralimpiadi.

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal. Email: emodugno@mondosportivo.it