Russian Premier League, preview 7a giornata

La settimana di coppa ha regalato alterne soddisfazioni, con la clamorosa uscita di scena del CSKA e i bei risultati di Spartak e Anzhi. Ma il campionato non tarda a arrivare, ed eccoci a commentare il settimo turno, con alcune notizie utili anche per gli scommettitori. A tal proposito ricordiamo che nello scorso turno tutte le partite sono finite con segno “over”, pagato sempre oltre l’1,70 in tutti gli incontri.

Venerdì 31 agosto

ore 17 Mordoviya Saransk-Zenit San Pietroburgo

Gara sulla carta molto, molto chiusa. La squadra di Spalletti difficilmente ne perde due di fila, e Saransk appare il campo più abbordabile dell’intero torneo. Il Mordoviya, debuttante nel massimo campionato russo, arriva però da una sfida combattuta sul difficile campo dell’Anzhi. Dura dirlo con certezza, ma l’entusiasmo dei Mordvini potrebbe creare dei problemi a una squadra nettamente superiore ma forse con la testa altrove, vedi voci di mercato o sorteggi di Champions League. Per lo Zenit tornano Kerzhakov e Bruno Alves, forse anche Semak e Lukovic.

Sabato 1 settembre

ore 12 Rubin Kazan-Terek Grozny

Sfida d’alta classifica, che si preannuncia vibrante. Il Rubin Kazan è una squadra solida e parte favorito, ma il Terek non ha nessuna intenzione di perdere il primato. I Ceceni giungono in Tatarstan dopo aver regolato Dinamo e Spartak, mentre il Rubin ha appena battuto lo Zenit. Tutte e due le squadre arrivano al meglio al match di cartello del sabato. Vedremo se il presidente Kadyrov potrà festeggiare ancora. Sfida da pochi gol, consigliabile l’Under.

ore 14 30 Volga NN-Rostov

Se il Rostov si è tolto dalle sabbie mobili proprio lo scorso turno battendo in rimonta l’Alaniya grazie a uno stratosferico Holenda, in rete addirittura in tre occasioni, stavolta è il Volga ad essere all’ultima spiaggia. Dopo la vittoria al debutto con la Dinamo sono arrivati 5 sconfitte, sempre più preoccupanti, culminate con il 6-2; il Volga è obbligato a vincere, non ancora per la classifica, ma per il morale. In casa Rostov si comincia a respirare dopo i 4 punti conquistati nelle ultime due gare, ma un buon risultato a Nizhnij Novgorod farebbe sì che la stagione prenda un’altra piega. Probabile che Bozovich la imposti sulla difensiva, come a Krasnodar due settimane fa, dove finì 0-0.

ore 17 Alaniya-Amkar

Si chiude con una sfida equilibrata la giornata di sabato. L’Alaniya ha tutta l’intenzione di fermare sul nascere l’emorragia causata dalla sconfitta di Rostov mentre l’Amkar vuole proseguire la sua striscia di risultati utile. Due anni fa finì 0-0

Domenica 2 settembre

ore 11 30 Krasnodar-CSKA

Trasferta complicatissima per il CSKA. In compenso la clamorosa eliminazione in Europa League ha messo nei guai la posizione di Slutskyj, che pare pronto a dimettersi. Ne vuole approfittare il Krasnodar, che fino ad ora ha raccolto meno di quanto seminato, ma che ha già battuto la Lokomotiv tra le mura amiche. Il CSKA non può perdere il treno per il titolo e deve assolutamente reagire dopo la batosta patita  ieri

ore 14 Dinamo-Kuban

Sfida piena di spunti interessanti. Due squadre che parevano in crisi e che hanno vinto entrambe lo scorso turno. Probabilmente sarà la prima di Petrescu in panchina, ironia della sorte proprio contro il suo Kuban. Krasnozhan ha comunque già fatto dimenticare il tecnico romeno e punta a mettere il bastone tra le ruote alla Dinamo, che cerca in tutti i modi di togliersi completamente dalle sabbie mobili. Si prospetta una partita vibrante, forse con molti gol.

ore 16 15 Krylya-Anzhi

Dopo aver piallato a domicilio l’Az Alkmaar l’Anzhi si butta a capofitto nel campionato, dove vuole guadagnare ulteriore terreno. La trasferta di Samara appare la migliore per farlo, dato che la squadra di Kobelev è apparsa in cattiva forma contro Amkar e CSKA. Vedremo se la coppia magica Eto’o e Traorè regalerà ancora spettacolo.

ore 18 30 Lokomotiv-Spartak

Come tutti i derby è una gara molto sentita e che si preannuncia piena di emozioni. La Lokomotiv ha perso le ultime sette partite con lo Spartak, ma stavolta potrebbe interrompersi la serie. I Myaso hanno speso tanto a Istanbul, mentre Bilic deve assolutamente rimediare alla sconfitta con la Dinamo. Tanto gol e spettacolo sembrano l’esito più scontato. Ancora fuori McGeady che sconterà l’ultimo turno di squalifica, fuori anche Welliton infortunato.

E’ intanto degli ultimi minuti la notizia del prolungamento della finestra di mercato in Russia, che si chiuderà il 3 settembre alle 23 59

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it