Brutta Dinamo, lo Stoccarda c’è

Non solo Champions questo mercoledì. Anche un anticipo di Europa League, quello che vedeva di fronte i tedeschi dello Stoccarda e i russi della Dinamo. Risultato finale 2-0 per i padroni di casa, che hanno ampiamente meritato il successo, maturato soltanto nel finale di partita. Continua quindi il momento catastrofico dei russi, reduci da cinque sconfitte su cinque in campionato e un solo gol fatto.

Entrambi i gol portano la forma di Ibisevic, che al 70′ è bravo a crederci sulla respinta non impeccabile di Shunin, che di fatto diviene preda del centravanti bosniaco, abile a partire sulla linea del fuorigioco e a mettere in rete. Il raddoppio arriva nei minuti di recupero, ed è una grave leggerezza della difesa moscovita che lascia il numero nove avversario libero di segnare nuovamente.

La Dinamo ora è nel caos più totale: c’è Kuranyi che accusa la preparazione estiva, che oggi gli è costata i crampi addirittura al 58′. Bubnov, analista russo, definisce la Dinamo come una squadra “morta”, e secondo lui lo Stoccarda ha vinto molto facilmente oggi. Per Byshovets è preoccupante il fatto che la squadra non abbia reagito nemmeno dopo il cambio di allenatore.

C’è chi invece utilizza il portiere Shunin come capro espiatorio: come Valery Maslov; “Non è stata una partita, è stata una commedia. Shunin dovrebbe smetterla di giocare a calcio, quel tiro lo parano anche i bambini”. Shunin che prova a confortarsi e pensa a dare tutto nella sfida di ritorno.

Si fa ovviamente festa in casa Stoccarda, dove sia Labbadia che Ibisevic sono soddisfatti del risultato che permette loro una gara più accorta a Mosca.

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it