I pronostici estivi: la Seconda Divisione

Che l’estate abbia fine, che il calcio abbia inizio! Le quattro categorie del pallone italiano si apprestano a dare il via all’ennesima lotta intestina: scudetto, promozioni, retrocessioni e playoff. Ce n’è per tutti i gusti.

Mondopallone ha deciso di creare una mini gara di pronostici, in cui a sfidarsi saranno alcuni tra i componenti del sito e uomini di campo, abituati ad essere protagonisti più che veggenti. Oggi è il turno della Seconda Divisione.

GIRONE A – Davanti a tutte il Venezia, per le forti ambizioni della proprietà russa e per la squadra messa a disposizione del tecnico Zanin. Ma il livello è abbastanza alto e i veneti saranno insidiati da più di una compagine: Savona, Pro Patria Rimini e Fano possiedono le carte in regola per giocarsi i primi posti.

OUTSIDER – Anche qui la situazione è piuttosto equilibrata. Da inserire è l’Alessandria, che proprio outsider non si può definire ma che a mio avviso parte indietro rispetto alle squadre sopra indicate. A seguire il Renate, protagonista di un gran precampionato e allenata da un Antonio Sala voglioso di riscatto dopo due stagioni di inattività. Occhio a Monza e Bassano, retrocesse dalla Prima Divisione ma profondamente ridimensionate.

LOTTA SALVEZZA – Il Santarcangelo è reduce da una stagione in grande stile e sembra attrezzatissimo per questa lotta. Stessa cosa per la Giacomense, la quale potrà contare su un Varricchio in più. Da valutare le neopromosse Valle D’Aosta e Castiglione, mentre sono molto pessimista nei confronti di Bellaria e Milazzo.

INDECIFRABILI – Al momento non sono in grado di esprimere una valutazione su Mantova e Casale. I virgiliani partono con mille vicissitudini societarie, i piemontesi hanno aspirazioni importanti ma forse dovrebbero rimpinguarle con un paio di interventi sul mercato.

GIRONE B – Un girone facilmente leggibile rispetto al precedente. La carta è fatta per essere smentita, però mi sembra logico affermare che la Salernitana parte davanti a tutte le altre. La promozione è un obbligo per i campani. Subito dietro la squadra di Galderisi, inserisco Aprilia e L’Aquila: i laziali sono reduci da un bellissimo campionato e hanno uno dei tecnici migliori della categoria, Vincenzo Vivarini. Gli abruzzesi puntano con decisione ai primi posti e la rosa avalla tale ambizione.

SECONDA FASCIA – Occhio al Gavorrano di Renato Buso, una macchina da gol nella passata stagione e ben consolidata nella sua struttura. I toscani hanno perso il bomber Fioretti ma restano estremamente competitivi. Poi c’è la Vigor Lamezia, in parte rinnovata ma comunque all’altezza della situazione. Le sorprese? Non mi stupirei se Teramo e Poggibonsi finissero nelle primissime posizioni. Entrambe possiedono le carte in regola per sognare.

LOTTA SALVEZZA – Solido il Fondi di Pasquale Lanzillo, ben costruita la rosa del Martina Franca. Non mi convincono Borgo a Buggiano e Arzanese, destinate a un torneo ricco di sofferenze al pari della matricola Hinterreggio e del Melfi.

PUNTI INTERROGATIVI – Campobasso e Melfi voglio vederle giocare prima di esprimere un giudizio. Il nuovo Foligno affidato a Giovanni Tedesco sogna il ritorno in Prima Divisione ma per ora lo considero nettamente più debole rispetto alle altre pretendenti.

 

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.