Champions, l’Udinese impatta sul Braga: 1-1

Un risultato che lascia tutto aperto, l’Udinese pareggia in Portogallo uno a uno e si giocherà la qualificazione nel return match del Friuli. Guidolin lascia Maicosuel in panchina, lancia Willians in mezzo al campo e si affida a Fabbrini alle spalle di Di Natale, per un’Udinese veloce, spigliata, piuttosto lunga nella prima fase di gioco. L’undici friulano giostra con disinvoltura, rischia qualcosa nelle ripartenze di un Braga rapido a verticalizzare e a impegnare Brkic soprattutto con conclusioni dalla distanza, ma è decisamente bravo a centrare il gol del vantaggio al minuto numero 22, quando Basta incorna puntuale sulla punizione di Di Natale, regalando l’uno a zero ai bianconeri che sul finale di tempo intensificano la spinta, provando a prendere in controtempo gli avversari, e lo stesso accade a inizio ripresa, quando Guidolin chiede ai suoi di incrementare il gioco sulle fasce.

Spettacolare e decisiva la parata di Beto sul colpo di testa del Tucu Pereyra, l’Udinese mantiene il possesso, prova a evitare il ritorno di un Braga insistente, ma si fa invece sorprendere al 68’ minuto dal tiro di Ismaily, che fa esplodere il mancino dalla distanza superando Brkic che nulla può sul bolide che vale l’1-1.

Guidolin prova a cambiare, inserisce Maicosuel e Badu per Fabbrini e Pereyra nel tentativo di aumentare il ritmo e provarci anche dalla distanza. Tattica che fa propria anche il Braga, con Brkic a più riprese costretto alla massima attenzione sulle conclusioni dei padroni di casa, con la situazione che però non cambia più fino alla fine. Termina dunqueuno a uno, ed è un risultato tutto sommato positivo per l’Udinese, che martedì prossimo al Friuli avrà un’ottima chance per agguantare la tanto ambita grande Europa.

“NON MERITAVAMO DI VINCERE” – Molto critico Francesco Guidolin, al termine dell’incontro. Queste le sue dichiarazioni, rilasciate a caldo a Sky Sport: “Questa prestazione non potrà bastare. Abbiamo fatto tante cose belle nel recente passato, ma ora dobbiamo voltare pagina. Non meritavamo di vincere, dobbiamo crescere, in questo periodo un turno di campionato può essere molto importante, ma non ci aggrappiamo a questo tipo di situazioni, speriamo di avere gambe migliori tra sei giorni. Abbiamo affrontato una squadra che ha valore e qualità, ma per passare occorerà una Udiense diversa rispetto a quella di stasera. Abbiamo sbagliato troppi passaggi e non siamo ripartiti nel modo giusto, una nostra specialità. Siamo stati pericolosi ma siamo una squadra che se gira e crea 5-6 azioni pericolose. cambia radicalmente. Delusi dal risultato? No, siamo umili. Non siamo Real e Barcellona, siamo contenti. Mercato? Non mi occupo di questo, ne parliamo costantemente in società ma a telecamere spente.

Condividi
Appassionato di sport – calcio, NFL e tennis su tutti. Direttore di MondoPallone.it, giornalista e telecronista di Sportitalia. Ottimista e molto (troppo) frenetico. Email: amilone@mondosportivo.it