Spartak umiliato, lo Zenit ne fa 5

Clamorosa sconfitta dello Spartak Mosca nella sfida più sentita di Russia, che ne prende 5 al Petrovski Stadion da uno Zenit abbastanza rimaneggiato.

Quarta vittoria consecutiva per lo Zenit, primo stop nel torneo per lo Spartak Mosca di Unai Emery. Una batosta incredibile per i moscoviti, che arrivavano a San Pietroburgo desiderosi di battere dopo tanto tempo gli odiati i rivali. Lo Zenit accusava alcune assenze importanti, ma in campo si è vista soltanto la squadra di Spalletti, abile nel girare a proprio favore gli episodi decisivi umiliando i “Myaso”. Era dal 1949 che non si registrava un punteggio del genere tra le due squadre, quando finì esattamente 5-0.

Mancano Kerzhakov e Bukharov, ma non è un problema: a sbloccarla è Kannunikov, talento dello Zenit esaltato da Spalletti (che lo elogierà in conferenza stampa scagliando frecciatine alla testa matta Ionov, finita al Kuban in prestito), con un gol voluto, cercato, conquistato. Lo Spartak ci prova, ma trova un Criscito monumentale: quando un italiano arriva in Russia con la mentalità giusta e l’umiltà di chi vuole adeguarsi a una cultura così diversa, ma non per questo non affascinante, mette in mostra sempre ottime qualità, come Bocchetti: è anche per questo che Rosina è stato congelato e spedito in Toscana, al Siena. Detto questo davvero un’ottima prova del napoletano, spostato al centro della difesa a causa dell’assenza illustre di Nicolas Lombaerts, e autore dell’assist in occasione del secondo gol; è suo il passaggio filtrante che imbecca Bystrov, ex tormentato, amato e odiato dalla curva, il quale non ha problemi a freddare Dikan. Forse l’abbiamo ritrovato davvero Vladimir.

Lo Spartak ha subito però un’occasione incredibile per tornare in gara. Il direttore di gara si inventa un calcio di rigore per presunto fallo di Hubocan su Emenike, anche se è quest’ultimo a scalciare il difensore slovacco. Parte dagli undici metri Dinyar Bilyaletdinov…..ma Malafeev si inventa l’intervento dell’anno, e Criscito si immola sparando via la palla dalla linea di porta. E’ l’episodio cruciale, perchè poco dopo Shirokov trova un gollonzo e il 3-0 mette in ghiacciaia la sfida, grazie anche alla susseguente espulsione di McGeady. C’è tempo per altri due gol, che rendono il passivo umiliante, e che permettono a Spalletti di gioire sotto la curva. Sfida che consolida il potenziale dello Zenit (non che ce ne fosse bisogno) e che rimaneggia le velleità dello Spartak, atteso dalla doppia sfida col Fenerbahce. Curiosità: l’ultima volta che la squadra moscovita aveva giocato i preliminari aveva appena perso col CSKA 1-5 (stagione 2008, sfida trasmessa da Sky con Dzagoev e Vagner Love sugli scudi) ed era stata piallata dalla Dinamo Kiev di Semin con un doppio 4-1. Speriamo che non accada lo stesso stavolta. Quel che è certo è che Emeri non farà la fine di Cerchesov, esonerato comunque soltanto dopo la prima sfida europea.

Un raggiante Spalletti ha comunque invitato alla calma nel corso della conferenza stampa post gara. “Soddisfatti della vittoria, ci rimetteremo a lavorare per la prossima gara. Ci mancavano dei giocatori, ma l’importante è lo spirito con cui si va in campo; se mi dici che la squadra ha bisogno di innesti ti do ragione, ma stiamo lavorando in questa direzione. Chi faceva tanta pressione per abbassare il limite degli stranieri mi pare che stia vincendo anche con una squadra di soli russi. Se avessero segnato il rigore sarebbero rientrati nella partita? Certo, e se gliene dava tre vincevano pure. Rigore inesistente, era fallo nostro. Bravo Malafeev e Criscito, lì un millesimo di secondo è decisivo per arrivare sul pallone. Il gol che mi è piaciuto di più? Il primo, perchè Maksim se lo meritava, e perchè ci ha permesso di condurre la partita.”

Shirokov: “Avrei voluto che questo match non avesse mai avuto una fine”

Presidente Miller: “Abbiamo fatto capire chi è campione di Russia”

Unai Emeri:”Ci scusiamo con tutti, ci sta di perdere, ma non in questo modo”

Nel corso della giornata si sono disputati altri due match di campionato. Il Terek ha regolato il Volga grazie a una doppietta di Lebedenko; l’ex Rostov apre una crepa nelle certezze del Volga, fermo a tre punti da un po’ di tempo. Succede di tutto invece a Cherzikovo: 2-2 tra Lokomotiv e Alaniya, con il portiere ospite Khomich che si esalta parando un rigore a tempo scaduto. Domani spicca CSKA-Anji, ma ci sono anche Rubin-Dinamo e Amkar-Mordoviya e Rostov-Krylya Sovetov. Quest’ultima partita si distingue anche in campo femminile: le fasi finali del concorso Miss campionato russo si sono disputate all’Olimpia Stadion di Rostov, e ha vinto la ragazza tifosa del Krylya Sovetov, meritatamente, anche se la concorrenza era di ottimo livello.

Spalletti festeggia sotto la curva

Conferenza stampa Spalletti

Gli Highlights della partita

http://www.youtube.com/watch?v=F0H-U3h4MMY&feature=youtu.be

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it