Di Natale: “Mi ha cercato il Milan ma non mi muovo”

(ANSA)

“E’ vero. Quest’estate il Milan mi aveva cercato. Da Udine, però, non mi muovo nemmeno se viene a bussare il Real Madrid. Voglio finire la carriera qui e fare ancora tanti gol”. Il capitano dell’Udinese Antonio Di Natale, arrivato in ritiro da qualche giorno dopo le vacanze post- Europeo, rinnova il suo amore per i colori bianconeri e torna a prendere per mano la squadra, con entusiasmo e carica rinnovata.
La stanchezza di fine stagione, che l’anno scorso lo aveva portato a ipotizzare l’addio al calcio giocato, è acqua passata.
“La città di Udine, il presidente, il mister hanno voluto che continuassi – ha svelato in conferenza stampa – Sono arrivato con la voglia di fare bene gli ultimi due anni e finire qui la carriera. Poi speriamo di divertirci tutti”.


Di Natale tranquillizza i tifosi, che “aspettano che facciamo il salto di qualità. In due partite ci giochiamo l’ingresso in Champions League. Ce la metteremo tutta per fare bene”. La squadra è nuova. Ci sono tanti giovani, ma con l’aiuto di tutti è convinto la squadra possa continuare a girare. “Quest’anno ha venduto più l’Inter – ha risposto a chi gli chiedeva se il modello Udinese sia esportabile ad altre società italiane – Con i tempi che corrono è giusto fare così. L’Udinese ha sempre dimostrato che chi arriva fa bene. Quello che conta sono i risultati. Negli ultimi due anni ha fatto più punti di chi ha speso 100 milioni”.

Il suo prossimo partner in attacco sarà Muriel, giovane di talento e belle speranze. “Il colombiano ha fatto un grandissimo campionato a Lecce, ha tantissima qualità per diventare un grande giocatore. Se capisce come lavoriamo qui a Udine, in uno o due anni può diventare come Sanchez”. Intanto resta lui, capitan Di Natale, il giocatore più costoso al fantacalcio, con 35 fantamilioni. “Me l’ha detto stamattina anche mio figlio. Io non so nemmeno come si gioca. Mi fa piacere avere questa stima ancora a 35 anni”. Quel che più conta è che stia bene: “fisicamente sto meglio dell’anno scorso”, e punta in alto. “L’obiettivo è arrivare a 150 gol con l’Udinese”. Il record di Del Piero di 188 gol, “sarà difficile, ma ci posso provare”. Infine, un commento sulla vicenda calcioscommesse. “Non so cosa è successo. Mi dispiace per i colleghi coinvolti e Simone Pepe che è un bravo ragazzo, che lavora sul campo. Spero ne esca pulito”.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.