Montolivo: “Il Milan era nel mio destino”

Riccardo Montolivo, nuovo acquisto del Milan, ha parlato alla Gazzetta dello Sport del suo futuro rossonero: “Il Milan era nel mio destino da una vita. Avrei potuto entrare nella scuola del Milan a sei anni, ma i miei genitori pensarono che ero troppo piccolo e che era meglio stare vicino a casa. Così sono cresciuto all’Atalanta, anche se mio padre era tifoso milanista. Mi sono sentito subito a casa. Merito dei compagni e dello staff, ma anche di tutti quelli che ci lavorano. Le cessioni di Ibra e Thiago Silva? Non mi pare che il Milan sia così in difficoltà. Certo, ha perso due fenomeni tecnici. Ma era un club forte prima di loro, è stato forte con loro e tornerà in alto anche senza di loro”. Infine una battuta sulla sua ex squadra, la Fiorentina: “In viola ho passato sette anni stupendi, cinque anni di bel calcio. Mi porterò dietro la riconoscenza totale per la famiglia Della Valle, che mi ha permesso di arrivare ad alti livelli ed il rapporto ottimo con la gente”.

Condividi
Nella vita è un carpentiere meccanico, ma si diletta nell'essere un giornalista. In più fa il marito. Nel tempo libero gioca a Football Manager, e quando riesce dorme. Email: dbertuletti@mondosportivo.it