Anzhi, buona la prima

Finisce 1-0 la prima uscita stagionale dell’Anzhi Makhachkhala, che ospitava gli ungheresi dell’Honved nella gara di andata del secondo turno preliminare di Europa League. Un risultato che però non mette al riparo i russi, che nella gara di ritorno dovranno gestire il vantaggio con molta attenzione. Nessuna squadra russa ha mai perso, eccetto il Krylya Sovetov nel 2009, a questo livello della competizione: i precedenti recenti sono quelli del Saturn, che eliminò agevolmente i lussemburghesi dell’Etzella Ettelbruck nel 2008, il Sibir, che estromise stoicamente l’Ael Limassol con un super Igor Shvechenko, e l’Alania, che fece fuori l’Aktobe. Tutte squadre meno forti dell’attuale Anzhi, che non può permettersi quindi di abbandonare già la competizione.

I primi novanta minuti si possono definire nel complesso soddisfacenti. Le gambe erano ancora in rodaggio ed è bastato il minimo sforzo per ottenere il massimo risultato. Ai daghi basta una rete di Jusilei alla metà del primo tempo, ben imbeccato da Shatov. Da rivedere Eto’o ma, come detto, siamo ancora agli inizi della stagione e già da giovedì prossimo vedremo un’ altra squadra, desiderosa di confermare l’1-0 ed avanzare nella competizione.

La partita non si è giocata in Daghestan bensì a Ramenskoye, nell’oblast’ di Mosca. Un sopralluogo della Uefa non ha dato l’ok per l’agibilità del campo, per problemi di ordine pubblico.

Condividi
Grande appassionato di calcio russo, tifoso dello Zenit San Pietroburgo. Estimatore del calcio giocato nei luoghi meno nobili e più nascosti, preferirebbe vedere un Torpedo-Alaniya rispetto a uno Juventus-Milan. Email: mbraga@mondosportivo.it