Renate, prosegue la marcia di avvicinamento al campionato

Secondo giornata di lavoro per la giovane compagine brianzola del Renate. Dopo aver ascoltato i pareri dei dirigenti e del tecnico Sala, oggi in conferenza stampa spazio ad alcuni futuri protagonisti della rosa nerazzurra. Davanti ai giornalisti si sono presentati il capitano Cavalli, il neo acquisto Brighenti, prelevato dalla Sambonifacese, Mantovani e infine l’attaccante esterno Storani giunto in prestito dal Parma.

Gabriele Cavalli: “La fascia di capitano può essere solo una grossa responsabilità che sono contento di prendermi. Spero di essere all’altezza di questo ruolo e sono orgoglioso di essere rimasto qui a Renate. E’ una società seria dove si sta benissimo e dove si possono assolutamente fare buone cose anche in questa stagione sportiva. Non vediamo l’ora di ripartire e di fare bene. Il primo anno sono stati raggiunti i playoff, l’anno scorso con qualche errore abbiamo buttato delle belle occasioni di centrare ancora quell’obiettivo e quindi quest’anno ci auguriamo di raggiungere la salvezza il prima possibile per poi sognare.”

Andrea Brighenti: “Sono contento di iniziare perché vengo dall’esperienza dello scorso anno che è stata negativa, magari non personalmente ma a livello di risultati. Ho voglia di rimettermi in discussione e di ripartire. Ho capito subito che qui a Renate c’è molto entusiasmo e gli obiettivi sono stimolanti. Ritrovo anche Zanetti che era il mio partner d’attacco alla Sambonifacese.”

Jacopo Mantovani: ”Innanzitutto quest’anno punto a giocare tutte le partite partendo carico, motivato e con entusiasmo. Rimango a Renate dove mi hanno trattato tutti bene e dove c’è la serenità giusta. La rosa mi sembra molto migliorata, per i giocatori che conosco. Come ha detto il Direttore, Renate per me non deve essere un punto di arrivo e neanche io voglio che lo sia ma qui posso fare quel salto di cui ho bisogno.”

Emiliano Storani: “E’ la mia prima esperienza tra i Professionisti e sono molto motivato. Il Parma ed i Direttori mi hanno dato questa opportunità ed io spero di ricambiare questa fiducia sul campo. Sono un esterno d’attacco che salta l’uomo, o almeno spero di farlo. Se capita realizzo pure qualche gol ma preferisco farli fare ai miei compagni di squadra.”

(Fonte: Ufficio Stampa A.C. Renate)

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal. Email: emodugno@mondosportivo.it