I nuovi volti della Seria A 2012/2013: Mounir El Hamdaoui

Col calciomercato in pieno fermento, cominciamo a conoscere i nuovi volti della Serie A 2012/2013. Terza puntata dedicata ad uno di quei talenti che potrebbero davvero esplodere definitivamente in Italia, il nuovo attaccante della Fiorentina Mounir El Hamdaoui. Sbarcato sulle rive dell’Arno con sei mesi di ritardo, il ventottenne nazionale marocchino di origini olandesi era stato sul punto di indossare la maglia gigliata già lo scorso gennaio, ma a causa di una mancata fidejussione bancaria tra l’Ajax, sua vecchia squadra, e la Viola, la punta rimane sostanzialmente fermo per 6 mesi, prima del suo passaggio ufficiale alla corte di Montella di qualche settimana fa.

Soprannominato “il mago di Kralinger”, dal nome di un piccolo sobborgo di Rotterdam, città in cui è cresciuto e dove ha militato a inizio carriera, El Hamdaoui è un vero e proprio animale da gol. Esordisce nell’Excelsior, con cui comincia a segnare una valanga di reti, tanto che giovanissimo viene acquistato dal Tottenham; un ambientamento difficile determina il fallimento precoce della sua esperienza inglese, durante la quale gioca anche nel Derby County, tanto che poco dopo torna in Olanda, dove torna a segnare prima con la maglia del Willem II, poi con quella dell’AZ Alkmaar, con la quale vince Eredivisie e titolo di capocannoniere con 23 gol. Dopo un’altra stagione in biancorosso passa all’Ajax, dove disputa una prima stagione buona dal punto di vista realizzativo, ma pessima da quello umano, visti gli scontri col nuovo allenatore Frank De Boer. Da qui la decisione di cambiare area e l’approdo alla Fiorentina.

Mounir El Hamdaoui è un bomber completo: forte fisicamente, sa farsi ben valere sia sul pieno del gioco aereo che di piede. Possiede un elevato senso del gol, dote che, come spesso gli è capitato, gli consente di fare reparto da solo. Attaccante rapido e scattante, ama giocare partendo sul filo del fuorigioco. A Firenze sperano in lui per interrompere la “siccità” in fase realizzativa patita la scorsa stagione, quando né Gilardino prima, né Amauri poi hanno dato alla squadra gigliata quel forte contributo sotto porta che ci si aspettava. Per il rapporto qualità-prezzo con cui è stato prelevato da Amsterdam (solo “850.000” euro), l’attaccante marocchino potrebbe rivelarsi uno dei migliori affari in assoluto dell’intera Serie A, magari poco sponsorizzato rispetto ad altri suoi colleghi, ma con caratteristiche tecnico-agonistiche che non lasciano nulla da invidiare a giocatori ben più esaltati e pagati. Siamo sicuri, dunque, che la Fiorentina ci abbia visto lungo, facendo un vero e proprio affare.

Ecco intanto alcune delle giocate con la maglia dell’Ajax di El Hamdaoui (Fonte You Tube)

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.