Il “Pagellone” del Campionato Europeo

Se siete stanchi delle solite pagelle, ecco il Campionato Europeo come non l’avete mai letto prima. Dalla guerra punico-spagnola allo scenario da boicottaggio del pre-europeo, il tutto passando per l’”Infinito” di casa Portogallo e i colpi di genio in casa Russia. Un breve riassunto di Euro2012 riletto in chiave satirica.

VOTO 10 alla SPAGNA: Perché van bene l’umiltà, il riconoscimento della forza altrui e i discorsi da reginetta sulla pace nel mondo, ma chiedete a Prandelli se si trovava a “Miss Italia” o nel bel mezzo delle Guerre Puniche… Pensate che Del Bosque avesse bisogno dei fichi per dimostrare che gli azzurri dovessero esser annientatati?… ITALIA DELENDA EST…

VOTO 9 all’ITALIA: Dalla lapidazione pubblica alla gloria eterna nel giro di qualche settimana… Perchè potrai anche vincere con l’unità del gruppo, l’unità di intenti e l’Unità d’ìtalia, ma se dall’altra parte trovi l’Invencible Armada c’è poco da discutere… Son calciatori, mica l’esercito dei Mille… RISORGIMENTO…

VOTO 8 a CRISTIANO RONALDO: L’esemplificazione vivente del proverbio “chi fa da sé fa per tre” (che a ‘sto giro avrà fatto anche per 11)… Perché un conto è farsi ispirare da 27 “palloni d’oro” mancati, un altro da tal Custódio da Guimaraes… Pensate che Leopardi avrebbe scritto “L’Infinito” se avesse avuto Wanna Marchi come musa?… PASSERO SOLITARIO…

VOTO 7 ad ANDRIY SHEVCHENKO: E fortuna che era vecchio e non segnava più dai tempi della seconda rivoluzione industriale… Secondo voi è meglio un somaro a 20 anni o un campione a 40?… Bisogna metterla dentro, mica tirar su le tipe il sabato pomeriggio in centro… NON HO L’ETA’ ( O FORSE SI)…

VOTO 6 a GRECIA e REPUBBLICA CECA: Che in fin dei conti è come recita la frase iniziale di “Match-point”: “Chi disse preferisco avere fortuna che talento, percepì l’essenza della vita”… Chiedete a Santos e Bilek quanto contino una deviazione galeotta o i miracoli di un portiere o una pallina finita al di là della rete dopo aver ballato sul nastro… Possono significar vittoria… A VOLTE…

VOTO 5 alla GERMANIA: Son lì sulla rampa di lancio, pronti al decollo, ma qualcosa si inceppa sempre… sembra che partano ma si devono fermare, sembra che abbiano superato l’uomo ma devono tornare indietro, sembra che ci arrivino ma la palla passa, sembra che segnino ma esce di un niente… Manca la scintilla che accenda il barbecue, ma quando ti trovi ad un “hamburger party” vaglielo a dire te, agli invitati, che si devono accontentare dell’insalata… GUASTAFESTE…

VOTO 4 alla RUSSIA: L’alternarsi di “colpi di genio” e “colpi di testa” che farebbero impallidire anche Edward Gein che terrorizzava il Texas con una motosega e arredava casa con i resti delle vittime… Quando non gira non gira, è inutile… La prossima volta sarà meglio starsene chiusi in casa, va là… NON APRITE QUELLA PORTA…

VOTO  3 a FRANCIA e INGHILTERRA: Quando le idee son poche e abbastanza confuse c’è poco da fare… Dai, cosa volete che sia, sarà per la prossima volta… O per il prossimo campionato… O per il prossimo sport… NON E’ TEMPO PER NOI…

VOTO 2 a BERT VAN MARWIJK: Ma un po’ anche ai suoi ragazzi, quelli che sarebbe stato il caso di far qualcos’altro, questa prima metà di Giugno… Un cinema, un tuffo in mare, che so, un giro contromano in autostrada. Tutto fuorché il calcio, comunque… Percorsi alternativi…

VOTO 1 al PRE-PARTITA di ITALIA – IRLANDA: Perché eravamo morti e siamo resuscitati, quando nessuno ci avrebbe scommesso… Dai, va là, pensavate davvero di far fuori degli zombie con qualche biscotto?… Suvvia, andatevi a riveder qualche film, che è meglio, in attesa che l’horror più cruento di tutti finisca d’esser girato in qualche tribunale, immerso nell’aglio, per evitar che qualche vampiro ci succhi via gli ultimi sprazzi di vita… La passione, d’altronde, ce l’han già levata da tempo… SVUOTATI…

VOTO 0 all’ATMOSFERA in UCRAINA PRIMA DELL’EUROPEO: Qualcosa si placa, qualcos’altro meno… Si affievoliscono, ad esempio, le condanne da parte dei vari premier europei nei confronti di quello ucraino, reo di aver incarcerato e maltrattato Yulia Tymoshenko, leader dell’Opposizione. Si minacciava il boicottaggio, si è passati ad una richiesta di chiarezza sulla sua detenzione… Se domani dovessero limitarsi ad un “come sta?” su facebook non ci stupiremmo… Qualcuno protesta, la maggior parte non se ne cura… Non si placa, invece, l’indignazione per lo sterminio dei cani randagi nelle strade ucraine… Resta opinione comune che avesse ragione Socrate nell’affermare: “Più conosco gli uomini, più amo il mio cane”, diventa sensazione crescente che, fosse vissuto oggi, se lo sarebbe anche sposato… SENSAZIONALISMI…

 

Condividi
Nato a Rimini il 9 novembre 1986, studente di psicologia e consulente di web marketing. "Scoperto" recentemente dalla redazione di Mondopallone, è l'autore del "Pagellone" e collaboratore fisso di Goal.com.