“Castàn, il nuovo Lucio”

E’ intervenuto a i microfoni di Teleradiostereo l’ex procutatore di Leandro Castàn, difensore del Corinthians e prossimo acquisto della Roma, Diego Tavano che ha detto la sua sul centrale verdeoro in corsa per la vittoria della Copa Libertadores: “Secondo me ricorda molto Lucio: è un difensore dalle leve lunghe con buoni tempi di intervento, forte fisicamente sulle palle aeree. Ha una buona proprietà di palleggio e un buon colpo di testa. In Brasile è considerato un buon giocatore: ha più volte sfiorato la nazionale, ma, alla fine, c’è sempre stato qualcuno ritenuto più forte di lui da chiamare. Finché io ho avuto la sua procura l’ho accostato a società di medio-alta fascia, ma c’erano difficoltà a portarlo in Italia per il suo status di extracomunitario. Ora sembra che qualcosa sia cambiato, che qualche documentazione gli permetta di diventare comunitario e quindi il suo ingaggio adesso è più facile”.

 Alla domanda se Castàn possa essere consideratio un titolare nella Roma di Zeman, Tavano ha così risposto: “Zeman è un allenatore che allena tutti i giocatori che gli danno. Castan è un buon giocatore che può senz’altro far parte del roster della squadra giallorossa e, se si adatta bene al campionato italiano, probabilmente riuscirà anche a essere il titolare. Però diciamo che è un po’ una scommessa, non tanto per il valore del giocatore, quanto perchè sappiamo che con Zeman i difensori, soprattutto i due centrali, hanno sempre vita difficile. Magari sarà soggetto più a brutte figure rispetto che ad altre situazioni: ricordo che anche Aldair ebbe un rendimento altalenante con il tecnico boemo. Diciamo che, in linea di massima, quello di Leando Castan è l’acquisto di un buon giocatore”.

Si è espresso infine sull’altro acquisto brasiliano della Roma, Dodò: “E’ un buon gocatore, il suo infortunio è stato terribile, ma ha ampi margini di miglioramento e molte prospettive. Spero che abbia risolto nel migliore dei modi e che faccia molto bene alla Roma”

 

Condividi
Nato a Formia l’11 aprile 1991, grande appassionato di giornalismo sportivo. Segue con molto interesse il calcio nazionale ed internazionale, è molto attento alle trattative di calciomercato. Mondopallone è la sua occasione per crescere.