ESCLUSIVA MP – Ferrario: “Napoli, non fare troppo l’italiano”

Dare fiducia a chi sa giocare a calcio, senza permettere che la carta di identità sia decisiva. E’ questo il pensiero di Moreno Ferrario, ex difensore del Napoli scudettato di Maradona, oggi osservatore del Novara. “Lavezzi lascia un vuoto enorme, è inutile negarlo. Il Pocho è stato il vero valore aggiunto del Napoli in questi anni e rimpiazzarlo non sarà semplice. Mi auguro che gli azzurri non si facciano prendere troppo dalle manie italianiste e diano fiducia a gente come Vargas e Insigne. I due ragazzi meritano, devono ancora dimostrare il loro valore a grandi livelli ma se non giocano non potranno farlo mai. Si è visto che hanno qualità e mezzi tecnici notevoli? Allora bisogna buttarli in campo e basta. Il futuro è questo: se gli italiani non lo capiranno, gli altri campionati europei ci saranno sempre superiori”.

E del suo Novara cosa ci dice? L’obiettivo è ritornare presto in serie A?

Il Novara non ha di questi assilli, può permettersi una maggiore tranquillità. Credo che i dirigenti faranno una buona squadra, senza spendere molto e senza prefissarsi obiettivi da raggiungere assolutamente. Gli ultimi anni sono stati un crescendo continuo per questa società: anche la scorsa stagione non è da buttare, a parte i mesi di dicembre e gennaio. Molti calciatori esordivano nella massima serie e si sono battuti fino all’ultimo, anche al cospetto dei grandi campioni. L’ossatura è valida, il tecnico pure, quindi si navigherà a vista ma sempre con una buona competitività.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.