Euro 2012: quote e consigli di Mondopallone.it

Quarti di finale. La fase ad eliminazione diretta comincia oggi alle 20.45 allo “Stadion Narodowy” di Varsavia. In campo Repubblica Ceca e Portogallo. Arbitrerà la sfida l’ex sergente di polizia inglese, Howard Webb.

REPUBBLICA CECA-PORTOGALLO

Alla vigilia un pò tutti ci aspettavamo Russia-Olanda, replay della sfida degli Europei di Austria e Svizzera del 2008. Invece, dopo l’ennesima autoflagellazione in salsa russa, e lo sconcertante europeo “Orange”, ecco le due “outsider” pronte a giocarsi l’ambitissima semifinale contro Spagna o Francia. Partono favoriti ovviamente i portoghesi, ma attenzione all’organizzazione Ceca. Il valore in più dei lusitani ha un nome  e cognome ben definito: Cristiano Ronaldo. Sbloccatosi con la doppietta contro l’Olanda, potrebbe ora rivelarsi l’uomo partita, addirittura europeo della squadra di Paulo Bento. Le dichiarazioni del commissario tecnico, di Raul Meireles e dello stesso Ronaldo sono improntate tutte su un cauto ottimismo, derivato in gran parte dalla scarsa attitudine portoghese ad affrontare match delicati e senza possibilità di errore. La formazione portoghese dovrebbe essere la seguente: Rui Patricio tra i pali, Pereira e Coentrao terzini, Pepe e Bruno Alves centrali, Miguel Veloso davanti la linea difensiva, Meireles e Moutinho centrali di centrocampo e Nani e Cristiano Ronaldo a svariare dietro l’unica punta, Helder Postiga. Analizzando le precedenti gare e il numero di gol segnati e subiti viene fuori un Portogallo insolitamente prolifico avanti e scarsamente, se non del tutto disattento in difesa. I calci piazzati e le ripartenze veloci hanno evidenziato le lacune Lusitane. La Repubblica Ceca, se vuole avere una piccola chance di passaggio del turno, dovrà attendere dietro la linea del pallone e ripartire in contropiede, guidata dall’estro e dalla fantasia del “Piccolo Mozart” Rosicky e da Milan Baros. Giocarsela come contro la Polonia, per gli uomini di Michal Bilek vorrebbe dire restare in partita fino alla fine. L’attenzione tattica, lo spirito di abnegazione di tutti e 11  i protagonisti in campo e un pizzico di fortuna potrebbero aprire orizzonti inimmaginabili solo 10 giorni fa. I cechi ci credono. E punzecchiano la stella avversaria. Cosi Rosicky in conferenza stampa: ” Ho affrontato Ronaldo diverse volte e da quello che mi ricordo non gli piace tanto difendere. È difficile dire se merita o meno il Pallone d’Oro. È uno di quelli che è in lizza, ma non so dire se riuscirà a farcela“. Tutti sanno che il banco in partite cosi equilibrate può farlo saltare anche la giocata estemporanea di un talento. I portoghesi hanno Cristiano Ronaldo. La Repubblica Ceca il collettivo. Ecco gli undici che dovrebbero scendere in campo nelle fila ceche: Cech in porta, Limbersky, Kadlec, Sivok e Selassie nella difesa a 4, Plasil e Hübschmann a  fare da cerniera tra centrocampo e pacchetto arretrato, Pilar e Jiracek esterni offensivi di centrocampo e Rosicky fantasista dietro Baros. Prevediamo un partita molto bloccata. Consigliamo di giocare l’under 2.5 e il pareggio al termine del primo tempo. Rischiamo anche il risultato esatto :0-1. In bocca al lupo. Alla prossima!

Condividi
Nato a Terracina il 1° febbraio 1989. Amante di tutto ciò di sferico che rotola su un campo rettangolare. Collaboratore presso diverse testate giornalistiche, sportive e non. Studia Lettere alla Sapienza di Roma. Email: lsavarese@mondosportivo.it