Da Blatter arriva l’ok: “La tecnologia una necessità”

Ci sono voluti diversi gol, da quello di Muntari tra Milan e Juventus fino all’episodio di ieri tra Inghilterra e Ucraina dove neanche gli assistenti di porta sono stati in grado di vedere un pallone al di là della linea bianca, ma finalmente anche Joseph Blatter apre alla tecnologia.

Anni e anni sono passati, episodi su episodi sia in campo nazionale che a livello internazionale, ma ieri sera è arrivato il Tweet che molto probabilmente cambierà il mondo del calcio nei prossimi anni: “Dopo la partita di ieri sera, la tecnologia per la linea di porta non è più un’alternativa ma una necessità“. Parole firmate da Joseph Blatter, presidente della Fifa, che sul suo profilo Twitter ha confermato l’intenzione di volersi affidare alla tecnologia per evitare gol fantasma come quello di Lampard ai Mondiali del 2010 o quello di Devic proprio ieri sera.

Come riporta la “Gazzetta dello Sport“, l’Ifab si pronuncerà sull’introduzione della tecnologia in occasione della riunione straordinaria del prossimo 5 luglio nella quale parteciperà anche Michel Platini, da sempre sostenitore dell'”occhio umano”. Due sistemi, al momento, sono in fase di sviluppo:  l’Hawk-Eye, l’Occhio di Falco (usato nel tennis) basato sul riconoscimento ottico attraverso le telecamere, e la GoalRef, che utilizza il pallone col microchip.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it