Il Latina ufficializza Fabio Pecchia

Con una conferenza stampa tenuta presso il “Circolo Cittadino” di piazza del Popolo, l’Us Latina Calcio ha presentato ufficialmente Fabio Pecchia in qualità di nuovo tecnico nerazzurro. Il mister ex Gubbio si è fatto conoscere sottoponendosi alle domande dei giornalisti e dei tanti curiosi accorsi per l’occasione. Insieme al nuovo allenatore era naturalmente presente tutta la dirigenza dell’Us Latina nelle persone del presidente Michele Condò, del vicepresidente Pasquale Maietta, del direttore generale Luigi Angiello e del medico sociale il dottor Gianluca Martini. Ospite d’onore il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi che ha augurato le migliori fortune alla società, ringraziando per il lavoro svolto tutta la dirigenza e ribadendo l’impegno dell’amministrazione in favore del club pontino, allestendo intanto un campo in erba sintentica nel complesso della “Ex Fulgorcavi”, sede del settore giovanile e degli allenamenti della prima squadra dell’Us Latina Calcio.
A prendere per primo la parola, naturalmente, è stato il neo tecnico nerazzurro: “Sono pronto ad intraprendere questa grandissima esperienza professionale – questo il primo pensiero di Fabio Pecchia, successore di Stefano Sanderra sulla panchina dell’Us Latina – Ho accettato con grande entusiasmo la chiamata, e questo nonostante avessi anche altre offerte interessanti e che avrebbero aperto delle opportunità importanti. Alla fine il cuore mi ha detto Latina per tanti motivi. La mia scelta, in primis, è di carattere strettamente personale: sono un figlio di questa terra (Pecchia è originario di Lenola, in provincia di Latina n.d.r.) e per questo sarei onorato nel contribuire in prima persona nel farmi portatore del nostro comprensorio nel mondo del calcio professionistico. Il secondo motivo che mi ha spinto verso il Latina è stato certamente la bontà del progetto che la dirigenza vuole portare avanti anche nella prossima stagione. Dopo un campionato di Seconda Divisione vinto ed una salvezza, che non è mai facile da matricola, ottenuta in Prima Divisione, penso proprio che questo club non possa più definirsi una meteora del professionismo italiano, bensì una solida certezza. Oltre a tutto ciò ho trovato, cosa rara, uno staff tecnico propenso al lavoro in collaborazione con la figura dell’allenatore e pronto a costruire insieme a me la nuova rosa di giocatori”.
Proprio a proposito di giocatori, Pecchia ha le idee chiare: “La mia esperienza nel mondo del calcio come giocatore, mi dà la certezza che per fare bene non servono tanto nomi altisonanti, ma piuttosto un gruppo solido e inattaccabile sia dall’esterno che dall’interno. Un gruppo composto da giocatori esperti e da giovani rampanti accomunati però dalla medesima voglia di emergere. Quel che cercherò di costruire insieme al diesse Facci e a al direttore tecnico Mannarelli sarà infatti una rosa che sia un giusto mix tra giocatori esperti ma ancora vogliosi di dare qualcosa a questo sport – non scesi in Lega Pro per svernare – e giovani pronti a compiere il grande salto nel calcio che conta. Effettueremo dei test al Francioni per poi partire, verso metà luglio, con il ritiro. Il mio intento è quello di avere una rosa meno ampia possibile, senza dimenticare qualche ragazzo del vivaio che certamente sarà aggregato alla squadra”.
La chiosa finale di Pecchia, stuzzicato anche dalle domande della stampa, è per l’esperienza di Gubbio della scorsa stagione, culminata con l’esonero ad ottobre: “Ricorderò Gubbio, nonostante l’avventura non proprio edificante, come un momento importante della mia carriera. Ne esco rafforzato perché ora credo di sapere quali errori non ripetere. Ero partito con una squadra giovane ed inesperta; nonostante questo come media punti ho fatto meglio dei miei successori. Penso che quella esperienza non vada quindi presa come un qualcosa di negativo. Adesso, però, penso solo al Latina e a Latina, questa città che vuole emergere ma che, spero, l’anno prossimo possa sospingerci verso la comoda salvezza che è il reale obiettivo prefissato”.

L’avvento del nuovo tecnico è stato naturalmente salutato da tutti i vertici societari: “Auguro a Pecchia le migliori fortune – ha spiegato il presidente Michele CondòFinalmente Latina ha un allenatore che fa parte di questa provincia: penso proprio sia stata fatta la scelta giusta”.

Per disponibilità, passione e primo impatto, Pecchia è stato certamente quello che mi ha colpito più di tutti tra i molti tecnici che abbiamo incontrato – ha detto il vicepresidente Pasquale MaiettaPossiamo dire che per noi è stato quasi un amore a prima vista. Senza contare che il mister possiede le due caratteristiche che cercavamo per il nuovo tecnico della nostra squadra. In primis è giovane e desideroso di lavorare con i giovani; in secondo luogo è affamato di vittorie e di riscatto, come lo siamo noi. Con lui vogliamo soffrire il meno possibile ed evitare la lotteria degli spareggi a cui abbiamo dovuto far fronte nella scorsa stagione”.

Un tassello fondamentale è stato posto per iniziare ora a costruire seriamente la prossima stagione – queste le parole del direttore generale Luigi AngielloIl lavoro da fare è tanto, le novità anche. Quello che però servirà per la prossima stagione sarà smuovere le coscienze della gente di Latina che deve cominciare a sostenere questa squadra e questa società che sta effettuando molti sacrifici”.

Fonte: ufficio stampa US Latina Calcio

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it