Italia-Croazia 1-1: le reazioni

Dopo il pareggio contro la Croazia che complica i piani di qualificazione dell’Italia i vari protagonisti della gara parlano così:

Cesare Prandelli, ct dell’Italia, ai microfoni di Rai Sport parla a caldo del pareggio contro la Croazia arrivato con la rimonta finale degli uomini di Bilic: “Eravamo in vantaggio e stavamo rischiano pochissimo, ma siamo stati poco cattivi sotto porta. Si poteva far meglio sia nel primo tempo che nella ripresa, ma squadra è viva e lotteremo fino alla fine”.

Thiago Motta, centrocampista dell’Italia: “Abbiamo sprecato una grande occasione. Nel primo tempo li abbiamo messi in difficoltà e creato tanto, ma non l’abbiamo chiusa. Possibile biscotto? Siamo tutti professionisti e credo che non ci possano essere biscotti e che la Spagna giocherà per vincere contro la Croazia all’ultima giornata”.

 Andrea Pirlo, autore del gol del vantaggio azzurro: “Potevamo segnare almeno un altro gol nel primo tempo, ma non ci siamo riusciti. Ora dobbiamo vincere assolutamente la prossima per andare avanti. Non pensiamo al ripetersi di certi episodi, perché ci fidiamo di Croazia e Spagna e della loro correttezza”.

 Giorgio Chiellini, difensore dell’Italia: “Sapevamo che loro erano molto bravi sui cross, in occasione del gol dovevo marcare più stretto Mandzukic, invece ho stretto verso il mezzo e l’ho perso. Poi lui è stato bravo a segnare, ma io ero fuori posizione”.

 Gigi Buffon, portiere dell’Italia: “Siamo in una situazione in cui tutto dipende da noi, se dovessimo vincere l’ultima spero che avremmo la possibilità di vincere il turno. Rispetto al 2004 si affrontano Spagna e Croazia e non Danimarca e Svezia. Nella Spagna ci sono giocatori che non vorrebbero mai essere etichettati come antisportivi dai media – contuinua Buffon scuro in volto – Oggi abbiamo sprecato un po’ troppe occasioni nel primo tempo. Per questo siamo dispiaciuti per il pareggio finale, abbiamo pagato una delle poche occasioni che hanno creato. Barzagli? Sta bene e presto tornerà a disposizione”.

Condividi
Nato a La Spezia nel 1981, ha girovagato per l’Italia da sud a nord. Laureato in Scienze della Comunicazione a Bologna, è stato fra i primi collaboratori di MondoPallone.net. Attualmente vive a Padova, collaborando con diversi siti di informazione calcistica.