Euro2012, girone B: Danimarca-Portogallo 2-3

Si apre con la vittoria del Portogallo di mister Paulo Bento la seconda giornata del Gruppo B di Euro2012. Alla “Arena Lviv” di Leopoli, i lusitani battono 3-2 la Danimarca e si rilanciano in classifica, raggiungendo in vetta proprio danesi a quota 3 punti. Le reti dell’incontro portano le firme di Pepe, Helder Postiga e Varela per i rossoverdi, mentre la doppietta di Bendtner aveva illuso i ragazzi di mister Olsen. Match sostanzialmente equilibrato e bellissimo, con continui colpi di scena. In ombra ancora una volta un abulico cristiano Ronaldo.

LE FORMAZIONI – Mister Olsen dà fiducia allo stesso undici che, a sorpresa, ha battuto sabato scorso la strafavorita Olanda. Bendtner terminale offensivo, con Rommedhal ed il match winner dell’esordio Krohn-Dehli a supporto dell’attaccante dell’Arsenal. Nel Portogallo, invece, ancora una volta spazio alla fantasia di Cristiano Ronaldo e Nani alle spalle dell’unica punta di ruolo, il confermato Helder Postiga. Per il resto, stessa squadra che ha perso contro la Germania.

BENDTNER RIAPRE UN MATCH GIA’ SEGNATO – Gara abbastanza bloccata nei primi minuti di gioco, con la Danimarca più aggressiva e concreta, mentre il Portogallo preferisce attendere l’avversario per poi ripartire con i suoi velocisti. Subito problemi per mister Olsen, costretto a sostituire il centrocampista Zimling dopo nemmeno 20′ per un guaio fisico, al suo posto Jakob Poulsen. Primo squillo dell’incontro di marca portoghese, con Cristiano Ronaldo che prova a calciare verso la porta avversaria dopo una ventina di minuti, ma l’asso lusitano ciabatta il tiro e opportunità che sfuma. Portogallo che comunque aumenta la pressione e trova il gol del vantaggio al 24′ col difensore del Real Madrid Pepe, che sfrutta al meglio un’azione da calcio d’angolo, girando in rete di testa un perfetto cross di Nani. Vantaggio lusitano tutto sommato meritato, Danimarca che fa fatica a costruire azioni ficcanti. Portoghesi decisamente più in palla rispetto alla gara con la Germania e che trovano il raddoppio al 35′ con Helder Postiga, che sfrutta al meglio un assist al bacio di Nani e con un destro dal basso verso l’alto supera imparabilmente Andersen. Sembra fatta, ma i biancorossi inaspettatamente riaprono il match qualche minuto dopo: traversone dalla trequarti, difesa lusitana imbambolata e palla che giunge a Bendtner che, a porta libera, insacca di testa il gol del 2-1. Bellissimo primo tempo a Lviv che si chiude dopo 2′ di recupero.

ANCORA BENDTNER, MA VARELA CHIUDE I CONTI – Squadre che rientrano in campo senza novità né da una parte né dall’altra. Portogallo vicinissimo alla rete del 3-1 dopo appena 4′ con capitan Cristiano Ronaldo che, a campo aperto, si invola verso la porta danese, ma si lascia respingere in malo modo il tiro di destro da Andersen che salva i suoi. Formazioni che, comunque, sembrano già molto allungate, con contropiedi da una parte e dall’altra; ancora sfortuna per la Danimarca, che perde per un problema muscolare anche Rommedhal, uno dei giocatori più esperti dei biancorossi, sostituito con Mikhelsen. Danesi vicinissimi al pareggio al 62′, quando il centrocampista Kvist esplode un destro bellissimo al volo che sibila fuori di un nulla alla sinistra di un Rui Patricio immobile. Gara che ora si è vivacizzata, con i ragazzi di Olsen che sembrano crederci maggiormente, mentre il Portogallo gioca soprattutto di rimessa, rendendosi comunque sempre temibile. Danimarca ancora molto pericolosa al 71′, sempre con Bendtner che stoppa la palla al volo al limite dell’area, sfida saltandolo in dribbling un avversario e calciando verso la porta lusitana, col pallone che esce non di molto alla destra dell’estremo difensore portoghese. Madornale occasione da rete sprecata ancora una volta da Cristiano Ronaldo: il numero 7, smarcato splendidamente da Nani, si presenta solissimo di fronte ad Andersen, ma allarga troppo la conclusione che esce incredibilmente al lato, ma che errore di CR7. Clamoroso a 10′ dalla fine: cross telecomandato dalla destra dell’attacco danese, palla che giunge sulla testa di Bendtner che solo in area trafigge Rui Patricio per il 2-2 della Danimarca. Incredibile rimonta dei biancorossi, ma pareggio che dura appena 7′, perché Varela appena entrato calcia al volo di destro non lasciando scampo ad Andersen, per il nuovo vantaggio lusitano. Assalto finale danese, ma il risultato non cambia: a Leopoli trionfa 3-2 il Portogallo.

TOP E FLOP
TOP Danimarca: Bendtner; FLOP: Krohn-Dehli
TOP Portogallo: Nani; FLOP: Cristiano Ronaldo

IL TABELLINO

DANIMARCA-PORTOGALLO: 2-3
Danimarca (4-3-3): Andersen; S.Poulsen, Agger, Kjaer, Jacobsen; Kvist, Eriksen, Zimling (17’pt J.Poulsen); Krohn-Dehli (45’st Schone), Bendtner, Rommedhal (15’st Mikhelsen). All.: Olsen.
Portogallo (4-3-3): Rui Patricio; Pereira, Pepe, Alves, Coentrao; Moutinho, Veloso, Meireles (39’st Varela); Ronaldo, Helder Postiga (19’st Nelson Oliveira), Nani (43’st Rolando). All.: Paulo Bento.
Arbitro: Thomson (Scozia)
Marcatori: 24′ Pepe (P), 35′ Helder Postiga (P), 41′ e 80′ Bendtner (D), 87′ Varela
Note: ammoniti: Meireles, Ronaldo (P), J.Poulsen, Jacobsen (D); espulsi: –

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.