Lega Pro, Prima Divisione: Pro Vercelli e Virtus Lanciano in paradiso

Sono Pro Vercelli e Virtus Lanciano le ultime due formazione ad essere promosse in Serie B. La certezza del salto di categoria per piemontesi ed abruzzesi è stata certificata dopo le partite di ritorno dei playoff di Prima Divisione di Lega Pro disputatesi nel pomeriggio. Pro Vercelli e Virtus Lanciano che, dunque, vanno ad aggiungersi a Ternana e Spezia, le formazioni che si sono aggiudicate i due raggruppamenti e promosse direttamente nella serie superiore dopo la fine della stagione regolare.

Allo stadio “Alberto Braglia” di Modena, i piemontesi di mister Braghin vincono 3-1 sul campo del Carpi (andata 0-0, n.d.r.) e tornano in Serie B dopo 64 anni. Padroni di casa in vantaggio dopo appena due giri di lancette con il bomber Fioretti; 1-0 emiliano che dura appena 1′, visto che i piemontesi giungono al pareggio già al 3′ con Modolo, bravo a capitalizzare di testa un’azione da calcio d’angolo. Secondo tempo che si apre col botto, col vantaggio della Pro Vercelli firmato da Iemmello, lesto a ribadire in rete con un tap-in sotto misura un colpo di testa che aveva preso il palo. Il Carpi prova a con la forza della disperazione a riprendere il match, ma il neo entrato Malatesta chiude il discorso promozione, segnando con un pallonetto beffardo a superare Mandrelli. E’ il trionfo per la Pro Vercelli.

CARPI-PRO VERCELLI: 1-3
CARPI (4-4-2): Mandrelli; Laurini, Lollini, Cioffi, Poli; Boniperti, Concas, Memushaj, Pasciuti; Ferretti (33’st Bocalon), Eusepi. A disp.: Bastianoni, De Paola, Perini, Perrulli, Di Gaudio, Kabine. All.: Notaristefano.
PRO VERCELLI (4-3-1-2): Valentini; Modolo, Ranellucci, Masi, Murante; Marconi, Rosso, Espinal (28’st Malatesta); Fabiano; Iemmello (25’st Calvi), Martini. A disp.: Miranda, Armenise, Germano, Carrraro, Di Piazza. All.: Braghin.
Arbitro: Pasqua di Tivoli
Marcatori: 2′ Fioretti (C), 3′ Modolo (P), 49′ Iemmello (P), 83′ Malatesta (P)
Note: ammoniti: Concas, Cioffi (C), Rosso, Malatesta (P); espulsi: Braghin (P)

A Trapani, invece, lo “Stadio Polisportivo Provinciale” si infiamma quando dopo nemmeno 1′ di gioco l’italo-tedesco gambino, ex Borussia Dortmund porta in vantaggio i siciliani. Si fa dura per la Virtus Lanciano quando al 12′ Amenta si fa espellere per un ingenua gomitata proprio a gambino, ma gli uomini di Gautieri non demordono e trovano il pareggio con Pavoletti, lanciato a rete indisturbato. Primo tempo che si chiude sul pareggio, ma è il Lanciano a sorprendere gli amaranto padroni di casa con Sarno, che al 66′ si inventa un gol fantastico, con un sinistro a giro che non lascia scampo a Pozzato. Il Trapani le prova tutte, ma gli abruzzesi seppur in dieci uomini reggono il forcing dei siciliani, riuscendo addirittura a portarsi a quota 3 gol col neo entrato Margarita. Trapani che non ha più le forze e non riesce a superare l’ostica resistenza degli abruzzesi, che trionfano. Per la Virtus Lanciano è la prima promozione della sua storia in Serie B. Grande impresa del tecnico Carmine Gautieri.

TRAPANI-VIRTUS LANCIANO: 1-3
TRAPANI: Pozzato; Daì, Sabatino (32’st Mastrolilli), Priola, Filippi; Tedesco, Barraco, Caccetta, Abate; Gambino (32’st Cavallaro), Madonia. All.: Boscaglia. A disp.: Spezia, Colletto, Cianni, Domicolo, Ficarrotta.
LANCIANO (4-3-3): Aridità; Aquilanti, Mammarella, D’Aversa (40’st Paghera), Massoni; Amenta, Sarno (25’st Capece), Vastola; Pavoletti, Volpe, Turchi (22’st Margarita). A disp.: Amabile, Rosania, Chiricò, Zeytulaev. All.:Gautieri.
Arbitro: Abbattista di Molfetta
Marcatori: 1′ Gambino (T), 30′ Pavoletti (L), 66′ Sarno (L), 82′ Margarita (L)
Note: ammoniti: Tedesco (T), D’Aversa (L); espulsi: Amenta (L)

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.