Platini avverte… gli scommettitori!

Lo scandalo scommesse continua a gettare fango sulla nostra Serie A. Ogni giorno nascono nuovi elementi in grado di poter creare ulteriori polveroni attorno a numerosi club. E dai vertici del calcio mondiale, esattamente dal presidente dell’Uefa, arriva un avviso ben preciso nei confronti della giustizia sportiva italiana.

A parlare è Michel Platini, massimo dirigente del calcio europeo, che dopo diversi giorni dallo scandalo che ha colpito il calcio azzurro, ha affermato: “Secondo me chi trucca le gare non deve mai più giocare a calcio. Quello che sta succedendo è uno scandalo, i calciatori colpevoli vanno puniti duramente – è il monito lanciato da Le Roi Michel, ex calciatore della Juventus – Prandelli ha detto che l’Italia poteva restare a casa? L’ha sparata grossa, la decisione non spetterebbe comunque a lui. L’allarme razzismo? Non riguarda solo il calcio ma tutta la società. Se Balotelli, ad esempio, venisse bersagliato da cori non potrebbe lasciare il campo, non spetta a lui ma all’arbitro. Se lascia il campo, verrà sanzionato“.

Platini è stato poi interpellato sulla tematica “location” Euro 2012: “Non rinnego la scelta di Polonia e Ucraina, per noi è la grande avventura dell’Europa dell’Est. Non capisco chi parla di boicottare l’evento, anche se rispetto le obiezioni. I tedeschi? Potevano anche votare qualcun altro. Io non faccio politica, il mio lavoro è organizzare bei tornei di calcio“.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it