Euro 2012, particolari “attenzioni” per i fans inglesi

Si avvicina Euro 2012 e giunge notizia dal The Sun di come i poliziotti polacchi si stiano “attrezzando” per accogliere al meglio i famigerati tifosi inglesi. E la notizia desta un minimo di allarme e un bel po’ di sconcerto.

Pare infatti che i poliziotti polacchi di Cracovia, città dove alloggeranno gli inglesi, siano pronti a sfoderare un arsenale di armi – convenzionali e non – degno di una rivolta urbana.

Stando a quanto dichiara il Sun, i tutori dell’ordine polacchi sarebbero infatti armati di armi che vanno dai fucili ad un cannone sonico ad alta tecnologica, capace di stendere l’uomo più forte. In più, pare che i cani-poliziotto (dei bellissimi Alsaziani) siano stati addestrati a mordere gli avversari direttamente ai testicoli.

Le altri armi comprenderebbero, oltre al già citato cannone sonico (capace di immobilizzare le persone e far perdere loro i sensi) e ai cani-poliziotto, anche fucili caricati a proiettili di gomma (che possono uccidere anche a distanze brevi), pistole 9mm ed un cannone ad acqua chiamato confidenzialmente “Tifone“.

Queste rivelazioni lasciano quantomeno interdetti, dato che, se l’Inghilterra dovesse passare il turno, i poliziotti e tutto il loro armamentario dovrebbero seguire i fan inglesi fino in Ucraina ed eventualmente fino alla capitale, Varsavia.

Istruzioni speciali sono state date in caso di furto: infatti il giornale riporta come non saranno tollerati anche semplici curiosi durante i disordini, in una sorta di “a chi cojo cojo“, giustificata dalla polizia dalla lunga storia di disordini dovuti ad intolleranze da parte di tifosi lungo le vie di Cracovia, terminando il loro discorso con una agghiacciante frase:

Le donne e gli uomini di Cracovia si sono ribellati al fuoco delle mitragliatrici sovietiche, quindi un paio di sedie lanciate da alcuni tifosi ubriachi di birra non riusciranno ad intimidirci.

Personalmente, quando ho letto questa notizia e mentre scrivevo il pezzo, mi sono posto una sola domanda,  semplice semplice: a chi giova tutto ciò?

Condividi
Parte-nopeo e parte bolognese, ha collaborato a vari progetti editoriali e sul web (Elisir, Intellego, Melodicamente). Ha riscoperto il piacere del calcio guardando quello femminile. Email: spellone@mondosportivo.it