Final Eight Primavera, Inter-Milan 4-3 spettacolo

Sarà l’Inter di mister Bernazzani a contendere il titolo tricolore primavera alla Lazio nella finalissima di sabato 9 giugno. Al “Pietro Barbetti” di Gubbio, i nerazzurri si aggiudicano il derby di semifinale della Final Eight del campionato di categoria, superando i cugini 4-3 al termine di una gara bellissima ed equilibrata, giocata tra due buone formazioni risoltasi solo dopo i tempi supplementari. Milan in vantaggio al 17′ del primo tempo con Comi che realizza un calcio di rigore, ma dopo appena 7′ un gran gol di Longo pareggia i conti. Romanò illude i suoi ad inizio ripresa, ma ancora Gianmario Comi ristabilisce la parità. Tempi supplementari che vedono i rossoneri portarsi in vantaggio con Innocenti, ma sempre Longo prima pareggia i conti e a 3″ dal termine regala vittoria e finale ai suoi. Onore al Milan, ma la gioia finale è nerazzurra.

LE FORMAZIONI – Il tecnico interista Bernazzani schiera in avanti Samuele Longo come terminale offensivo, con la fantasia di Daniel Bessa a innescare la punta classe 1992. Centrocampo solido, mentre a difesa dei pali c’è Di Gennaro. Dall’altra parte, mister Dolcetti si affida alla coppia gol Ganz-Comi supportati da Valoti. Difesa solida con capitan Rodrigo Ely e Baldan a ribattere colpo su colpo agli avanti nerazzurri.

COMI-LONGO, 1-1 IN 7′ – Primi minuti di studio tra le due formazioni, con il gioco che si sviluppa soprattutto a centrocampo. Il primo squillo dell’incontro è dei rossoneri, che al 12′ vanno vicinissimi al gol del vantaggio col figlio d’arte Ganz, che riceve palla appena in area e calcia di destro a botta sicura, con la palla che sfiora il palo alla sinistra di Di Gennaro. Il derby si accende al minuto 16′, quando Hottor si traveste da Alberto Tomba, salta tutti in area meno che Kisela che lo atterra. Rigore netto che Gianmario Comi realizza spiazzando il portiere avversario per l’1-0 Milan. Inter che non ci sta e prova subito a riprendere la gara. Spettacolo al “Barbetti” di Gubbio, quando al 24′ Samuele Longo riceve palla al limite dell’aria, “usa” Baldan da leva e si presenta a tu per tu con Piscitelli, superando il numero 1 rossonero da pochi passi per il pareggio immediato dell’Inter.

Nerazzurri che dopo il gol dell’1-1 sembrano aver preso più coraggio, mentre la squadra di Aldo Dolcetti appare aver accusato il colpo, non spingendo più con la stessa convinzione di prima. Partita che in realtà si spegne via via che passano i minuti, con i due portieri impegnati davvero col contagocce: unici tentativi un paio di conclusioni fuori misura di Simone Andrea Ganz e un colpo di testa velleitario di Garritano. Risultato che non cambia e così il signor Ripa dopo 1′ di recupero manda le formazioni negli spogliatoi alla fine di un primo tempo abbastanza equilibrato.

ROMANO’ ILLUDE L’INTER, COMI LA RIPRENDE – Secondo tempo che si apre senza cambi né da una parte né dall’altra. Inter che parte decisamente meglio dei cugini; aggressivi i ragazzi di mister Bernazzani che costringono i rossoneri nella propria metà campo e che vanno alla conclusione prima con Longo e poi con Duncan dalla distanza, ma i due tentativi non vanno a buon fine. Occasionissima nerazzurra per raddoppiare al 55′ quando gli avanti interisti si presentano 3 contro 1 in area milanista, ma Longo è troppo egoista concludendo addosso a Piscitelli quando c’era un compagno liberissimo sulla sua sinistra. Inter che spinge e che trova la rete del 2-1 al 62′, quando capitan Romanò insacca di testa un cross telecomandato di Alborno, a conclusione di un’azione meravigliosa costruita sull’asse Duncan, Garritano, Alborno.

Brutto infortunio al 69′ per il portiere interista Di Gennaro che nel tentativo di spazzare la sua area di rigore ricade male a terra, infortunandosi seriamente al ginocchio sinistro; estremo difensore fuori in barella, mentre al suo posto entra Sala. Milan che subìto il gol dello svantaggio si butta in avanti alla ricerca del pareggio che arriva al 73′ ancora con Comi, che sovrasta il diretto marcatore e di testa gira in rete un cross al bacio proveniente dalla sinistra. Inter che prova subito a reagire e lo fa con una bella conclusione da centro area di Daniel Bessa, ma il destro dell’italo-brasiliano si alza sulla traversa del portiere milanista. Comincia a farsi sentire la stanchezza, mentre i tempi supplementari si avvicinano sempre di più. Ultima conclusione di Duncan, il risultato non si sblocca: si andrà all’extra time.

LONGO SPEDISCE L’INTER IN FINALE – Primo tempo supplementare che vede il Milan sostituire il bomber Comi per problemi fisici. Rossoneri che cominciano meglio rispetto ai cugini e che vanno in rete con un tiro tanto potente quanto preciso dai trenta metri di Innocenti che non lascia scampo ad un Sala forse coperto al momento del tiro del centrocampista avversario. Inter che non molla e che va vicinissima al gol del 3-3 con Longo che manca di pochissimo l’impatto col pallone a tu per tu con Piscitelli. Ci prova anche De Sciglio, ma la conclusione dell’esterno destro non inquadra la porta avversaria. Cambio ti campo e nerazzurri che ritrovano il bandolo della matassa ancora con Samuele Longo che come un falco si avventa su un cross basso di capitan Romanò per il 3-3. Partita davvero spettacolare al “Barbetti”, con entrambe le squadre che meriterebbero l’accesso alla finalissima. Sembra finita, ma ancora Longo al 122′ regala la finalissima all’Inter piazzando alle spalle di Piscitella un destro al volo imparabile che segna la sua tripletta personale e la gioia incontenibile per tutti i suoi compagni. Finisce qui, con l’Inter che vola in finale contro la Lazio, mentre per il Milan l’amarezza è tantissima.

TOP e FLOP
TOP Inter: Romanò, Longo ; FLOP: Kisela
TOP Milan: Hottor, Comi ; FLOP: Valoti, Baldan

IL TABELLINO
INTER-MILAN: 4-3 (1-1) dts
INTER (4-4-2): Di Gennaro (24’st Sala); Alborno (5’pts Forte), Spendlhofer, Mbaye, Kisela; Duncan, Crisetig, Garritano (28’st Terrani), Romanò; Bessa, Longo. All.: Bernazzani.
MILAN (4-3-1-2): Piscitelli; De Sciglio, Baldan, Ely, Desole; Innocenti, Hottor, Cristante; Valoti (20’st Roggia); Ganz (84’st Speziale), Comi (1’pts Lora). All.: Dolcetti.
Arbitro:
Ripa di Nocera Inferiore
Marcatori:
17′ rig. e 73′ Comi (M), 24′, 108′ e 122′ Longo (I), 62′ Romanò (I), 94′ Innocenti (M)
Note:
ammoniti: Mbaye, Alborno, Forte, Longo (I), Innocenti (M)

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.