Verso Euro2012: Toivonen-Ibra, la Svezia c’è

La Svezia c’è. Dopo la vittoria di qualche giorno fa contro l’Islanda, la Nazionale di Erik Hamren supera anche la Serbia e si presenta nel migliore dei modi ai nastri di partenza del girone D di Euro2012. Al “Rasonda Fotbollsadion” di Stoccolma, gli scandinavi superano 2-1 gli slavi di Sinisa Mihajlovic, alla terza sconfitta su tre gare da quando ha preso le redini della selezione del suo paese, giocando una partita dai due volti: in difficoltà nel primo tempo, più sciolta nella ripresa.

Dopo una avvio promettente sono i padroni di casa ad andare in vantaggio con la seconda rete consecutiva di Toivonen: l’attaccante del PSV approfitta di un errore in presa del portiere avversario e regala il gol dell’1-0 alla Svezia. Rete che dura però solo pochi minuti, perché già al 26′ la Serbia pareggia con Subotic, bravo a superare il suo marcatore Granqvist e a battere Isaksson. Primo tempo che si chiude sul risultato di parità, ma ci pensa ancora una volta Ibrahimovic a dare il nuovo vantaggio ai suoi, trasformando un penalty che si era guadagnato lo scatenato Toivonen. Svezia che dopo il gol del 2-1 ha maggiore padronanza della gara, sfiorando il tris con una bella conclusione di Kallstrom, ma finisce così, con i gialloblu che escono vittoriosi tra gli applausi, mentre per la Serbia ora è davvero notte fonda.

Buone indicazioni per Hamren, che ha schierato dall’inizio i recuperati Svensson e Lustig, mentre non hanno partecipato alla gara gli infortunati Elmander e Rosenberg, che continuano a preoccupare il CT svedese. Piccolo problema fisico anche per il portiere Isaksson, costretto a uscire al 70′, ma ci ha pensato lo stesso ex estremo difensore della Juventus a tranquillizzare tutti, dicendo che non si tratta di niente di grave.

IL TABELLINO
SVEZIA-SERBIA:2-1 (1-1)
SVEZIA (4-4-2): Isaksson (25’st Wiland), Lustig (29’st Olsson), Mellberg, Grandqvist, Olsson; Svensson (41’st Holmen), Kallstrom, Larsson (41’st Wilhelmsson), Elm; Ibrahimovic (35’st Wernblom), Toivonen (10’st′ Hysen). All.: Hamren.
SERBIA (3-4-3): Aleksic (1’st′ Kahriman), Subotic, Maksimovic, Lukovic, Tomic, Petrovic, Ignjovski (17’st Matic), Obradovic (32’st Kolarov), Tosic, Lekic (1’st Scepovic), Lazovic. All.: Mihajlovic.
Marcatori: 23′ Toivonen (Sv), 26′ Subtic (Se), 51′ rig.Ibrahimovic (Sv)

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.