Quelle 400 telefonate che inguaiano Mauri…

La posizione di Stefano Mauri, in manette da qualche giorno a causa dello scandalo scommesse, si aggrava sempre di più. Il centrocampista della Lazio, durante l’interrogatorio, avrebbe negato,anche di fronte alle prove evidenti della sua colpevolezza, ogni responsabilità, salvo poi ritrattare e di conseguenza mentendo agli investigatori.

Ciò che rende la situazione di Mauri delicata è una sim card intestata a tale Samanta Romano (la sua fidanzata) ma usata dallo stesso calciatore per chiamare il signor Zamperini (per ben 435 volte), con il quale avrebbe combinato i risultati delle partite incriminate. Dalle indagini risulta che il giorno di Lazio-Genoa, una delle gare finite sotto la lente d’ingrandimento, tutte le utenze in questione erano localizzate nei pressi del centro sportivo della Lazio, presumibilmente per discutere gli ultimi dettagli riguardo la combine.

Condividi
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.