AUDIO – Gli inni di Euro2012: Lijepa naša

Cantati, fischiati, ascoltati con una mano sul cuore, bistrattati, vissuti in un lungo abbraccio, sconosciuti. Sono loro, gli inni nazionali, per alcuni testi sacri, per altri semplice litania, per altri ancora motivo di disappunto. Parole e musica che spesso, però, accomunano un intero popolo e danno la carica per lottare uniti per i colori che si indossano, anche se si tratta di una semplice partita di calcio. A pochi giorni da Euro2012, conosciamo meglio la storia e ascoltiamo gli inni che a breve diventeranno il pane quotidiano di milioni di tifosi sparsi per l’Europa.

A differenza di quanto si possa credere, Lijepa naša, l’inno croato, è stato scritto tantissimo tempo fa. La sua composizione risale addirittura al 1835 e a pensarlo fu il poeta Antun Mihanović, mentre l’autore della musica è stato Josip Runjanin, un ufficiale dell’impero austro-ungarico simpatizzante del popolo croato. Diventa inno ufficiale dei croati a partire dal 1891, venendo incluso nell’inno del Regno di Jugoslavia, che riuniva le canzoni nazionali serbe, slovene e, appunto, croate. Proibito durante gli anni di restrizione della repubblica jugoslava, Lijepa naša diviene ufficialmente l’inno nazionale della Croazia a partire dall’indipendenza del governo di Zagabria.

“Lijepa naša”

http://www.youtube.com/watch?v=_a5P8QEMalE

Ecco il testo e la traduzione in italiano dell’inno nazionale croato (versione estesa)

Lijepa naša domovino,
Oj junačka zemljo mila,
Stare slave djedovino,
Da bi vazda sretna bila!
Mila kano si nam slavna,
Mila si nam ti jedina,
Mila kuda si nam ravna,
Mila kuda si planina!
Teci Dravo, Savo teci,
Nit’ ti Dunav silu gubi,
Sinje more svijetu reci:
Da svoj narod Hrvat ljubi!
Dok mu njive sunce grije,
Dok mu hrašće bura vije,
Dok mu mrtve grobak krije,
Dok mu živo srce bije!
Oh,

Patria nostra bella,

O terra cara ed eroica,
Terra degli avi, di antica gloria,
Che tu certamente sempre sarai felice!
Cara, a noi sei quanto gloriosa,
Cara, a noi sei tu sola
Cara, dove a noi sei piana,
Cara, dove a noi sei montagnosa
Scorri, Sava, Drava Scorri!
E tu anche, Danubio, non perdere forza!
Mare blu profondo, dillo al mondo!
Che il Croato ama il suo popolo!
Finché a lui terra arata il sole riscalderà,
Finché a lui le querce la bora sferzerà!
Finché a lui i morti la tomba coprira!
Finché a lui vivo il cuore sarà!
Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.