Clausura, 16/a giornata: la frenata delle “outsider”

La sedicesima giornata del Clausura 2012 si tinge di “Azul y oro”. Il successo del Boca Juniors nel match interno contro il Godoy Cruz, e i contemporanei passi falsi delle dirette inseguitrici, scavano un solco di tre punti in testa alla classifica. Sono bastate due pennellate di Riquelme nel primo tempo, rispettivamente per la testa di Insaurralde  e il tocco a porta vuota di Cvitanich, e l’imbucata nel finale per Pablito Mouche, sempre dell’eterno Roman,  per affossare un modestissimo “Tomba”, ormai con la testa al prossimo semestre. Gli “xeneixes”,  in lotta su tre fronti, mercoledi notte se la vedranno nei quarti di “Copa di Argentina” contro il Rosario Central. Falcioni crede nel grande Slam, ma allo stesso tempo ha già annunciato che giocheranno tutte le riserve, ovvero “ i calciatori che hanno consentito alla squadra di arrivare fino a questo punto”.

Pareggia il Tigre in casa dell’Atletico Rafaela, in una folle partita, ricchissima di occasioni ed emozioni. Per la squadra del “Vasco” Arruabarrena un punto guadagnato, soprattutto in chiave Promedio. Al goal iniziale della “Crema”, realizzato da  Nicolás Castro, ha risposto a metà della ripresa Echeverría, bravo a infilare la  zampata vincente sotto porta. Entrambe le squadre sono appese al filo degli spareggi, in un intricatissimo e caldo finale di campionato.

Succede di tutto al “Nuevo Gasometro” di San Lorenzo: il Newell’s va prima avanti due a zero dopo mezz’ora,  grazie alle reti di Perez e Munoz, ma poi si lascia incredibilmente rimontare dal “Ciclon”, che nella ripresa getta il cuore oltre l’ostacolo e ribalta  la sfida con Bueno e la doppietta di un immenso Gigliotti.  Brutto colpo per la “Lepra” di Rosario, passo avanti fondamentale per il San Lorenzo di Caruso Lombardi, ora fuori dalla zona retrocessione diretta.

Altro pareggio, ma meno pirotecnico a la Plata. L’Estudiantes riesce a fermare l’Arsenal di Alfaro, corteggiato proprio dalla dirigenza del “Pincha” per la prossima stagione. Il ritmo iniziale della gara è molto lento, e a  rompere gli equilibri ci pensa al quarto d’ora il rigore fischiato da Laverni per gli ospiti.Dal dischetto Zelaya non perdona, e fa uno a zero.Prima dell’intervallo arriva il meritato pareggio dei biancorossi, con la cavalcata vincente di Zapata. Nella ripresa regna la noia, e l’Arsenal deve cosi fermare la sua ricorsa al Boca.

Tragedia a Lanus. Sul campo vince il “Granate” uno a zero sull’All Boys, con la firma di Pavone, mentre fuori dalla stadio, i feroci scontri avvenuti nel prepartita tra le due tifoserie, provocano un morto e centinaia di feriti. Ancora una volta, la passione e l’attaccamento unico dei tifosi argentini, viene macchiato da episodi di violenza perpetrata da veri e propri criminali. Una sconfitta per tutto il movimento, in un periodo di  forte ascesa economica e culturale.

Il Velezespugna il “Cementerio de los Elefantes” , con una prova maiuscola. Dopo la sconfitta ai rigori contro il Santos, il “Tricolor” rialza la testa sul  difficilissimo campo di Colon.Una rete per tempo del “Burrito” Martinez e di Fernandez ridanno ossigeno a Gareca e la sua truppa, forse troppo distante dal vertice, ma comunque ancora in corsa per il titolo, a meno cinque dalla vetta.

Continua il modesto campionato delle due compagini di Avellaneda: l’Independiente fa 0-0 in casa contro l’Uniòn de Santa Fe, al termine dell’ennesima partita deludente giocata tra le mura amiche; il Racing rialza parzialmente la testa a Cordoba, vincendo con il gol di Giovanni Moreno, propiziato dall’errore del portiere, il “Pirata”, Juan Olave. Una magra consolazione per gli uomini di Zubeldia, partiti con ambizioni di titolo e finiti nell’anonimato di una stagione da dimenticare al più presto.

Il San Martin resta a galla con la   vittoria contro l’Olimpo de Bahia Blanca;  tre a due soffertissimo, che relega la squadra della costa alla retrocessione in “Segunda. La  doppietta di Guedes aveva illuso gli ospiti, raggiunti e superati in pieno recupero dalle reti di Penco, Caprari e Alvarez.

Infine il Banfield e la sua interminabile crisi.Sconfitto anche alla “Paternal” dall’Argentinos di Astrada, il “Taladro” si ritrova nei guai. La partita,  fotografa al meglio  la stagione in due frammenti: Lunati nel primo tempo fischia rigore ai biancoverdi, e dal dischetto Ferreyra sbaglia in malo modo.Nella ripresa altro rigore, questa volta per l’Argentinos: dagli undici metri Barzola non perdona, spiazza Lucchetti  e manda all’inferno la squadra di Acevedo.

Nel prossimo week-end il campionato argentino osserverà un turno di riposo per gli impegni delle nazionali. Si ritorna in campo tra quindici giorni. Ci sono ancora tante pagine bianche da scrivere , e le parole con le quali griffare  questo Clausura, restano ancora celate dietro l’incertezza  delle ultime tre battaglie stagionali.

CLAUSURA 16/a GIORNATA

San Martin-Olimpo 3-2
Argentinos Juniors-Banfield 1-0
Lanus-All Boys 1-0
Belgrano-Racing 0-1
Atletico Rafaela-Tigre 1-1
San Lorenzo-Newell’s 3-2
Independiente-Union 0-0
Boca Juniors-Godoy Cruz 3-0
Colon-Velez 0-2
Estudiantes-Arsenal 1-1

Pos.SquadraPartitePunti|Pos.SquadraPartitePunti
1Boca Juniors1632|11Colon1622
2Tigre1629|12San Lorenzo1621
3Arsenal de Sarandì1629|13Belgrano1621
4Newells Old Boys1628|14Atlético de Rafaela1618
5Vèlez1627|15Independiente1618
6All Boys1627|16Racing Avellaneda1618
7Argentinos Juniors1623|17San Martín1618
8Lanus1623|18Godoy Cruz1611
9Estudiantes1623|19Olimpo1611
10Uniòn Santa Fe1622|20Banfield1610
Condividi
Nato a Terracina il 1° febbraio 1989. Amante di tutto ciò di sferico che rotola su un campo rettangolare. Collaboratore presso diverse testate giornalistiche, sportive e non. Studia Lettere alla Sapienza di Roma. Email: lsavarese@mondosportivo.it