Verso Euro2012, grattacapi e certezze per il Trap

La prima amichevole di avvicinamento ad Euro2012 della sua Irlanda lascia in eredità al CT Trapattoni una certezza e una perplessità. Oltre alla vittoria, l’aspetto positivo dell’1-0 alla Bosnia firmato Long è stata l’ottima prestazione difensiva dei verdi, che per l’ennesima volta hanno dimostrato di aver assimilato alla perfezione i dettami tattici del tecnico di Cusano Milanino soprattutto per quanto riguarda il pacchetto arretrato. La dimostrazione è il fatto che la selezione irlandese non subisce sconfitte da ben tredici partite consecutive. Mica male per una Nazionale che non è certamente tra le prime formazioni a livello mondiale, o almeno non ancora.

Buone notizie per il Trap anche per quanto riguarda Keiren Westwood, portiere del Sunderland, colui che dovrebbe essere il secondo nel suo ruolo nella spedizione irlandese in Polonia e Ucraina. Il titolare Shay Given, esperto e affidabilissimo portiere dell’Aston Villa, si è fatto male ad un ginocchio nei giorni scorsi e resta in dubbio per l’esordio della sua selezione contro la Croazia. Tuttavia, il suo sostituto ha fornito buone garanzie nella vittoriosa gara di ieri contro Dzeko e compgani.

Shay è un mio idolo, non potrei mai augurarmi che stia male. Ovvio sarei io a beneficiare della sua assenza, ma di certo non potrei mai sperarci per me e per la squadra. A livello di club ci può essere qualche rivalità del genere, ma qui siamo tutti uniti“, le parole del portiere irlandese che da una parte in cuor suo siamo sicuri che vorrebbe sfruttare un’occasione così ghiotta, dall’altra fa il tifo per il su compagno che, come detto da Westwood stesso, è il suo idolo.

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.