Cr7 ammette: “Se non ci fosse Messi…”

Cristiano Ronaldo, vincitore con il Real Madrid della Liga 2011-2012, ammette la sana rivalità sportiva con l’altro fenomeno del calcio mondiale e del Barcellona, Leo Messi.

Dopo mesi di gol a grappoli, a giochi conclusi, l’asso portoghese del Real ha affermato di accettare con grande sportività e ottimismo la competizione con l’argentino del Barça: “Penso che siamo stati da stimolo l’uno con l’altro – racconta Cr7 in un’intervista rilascia alla CNN ripresa da Gazzetta.it – ed è anche per questo che la competizione è a livelli altissimi e perché Real e Barça sono le squadre migliori al mondo“.

NUMERI – I numeri fanno davvero paura per la Liga ma anche per il calcio mondiale in generale. 38 presenze per Ronaldo con 46 gol, 37 e 50 centri, invece, per Messi. C’è chi preferisce la Pulce chi il portoghese che su queste continue critiche risponde stizzito: “Questa storia comincia a stancarmi e credo valga anche per lui. Non si può paragonare una Ferrari a una Porsche perché i motori sono diversi. Lui fa del suo meglio per il Barça, io per il Real“.

Infine, sui record ottenuti quest’anno con il Real, Cristiano Ronaldo ha affermato: “Vincere la Liga ha rappresentato per me il punto più alto da quando sono a Madrid, il momento migliore. A livello individuale ho infranto il mio record di gol ma come squadra abbiamo toccato quota 100 punti, un altro primato fenomenale. Penso sia difficile riuscire a fare una stagione migliore di questa, la Liga è per me il campionato più difficile del mondo. Competere col Barça è complicato ma alla fine abbiamo avuto la meglio“.

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it