Moratti e De Laurentiis. L’Inter e Lavezzi…

Tra supposizioni, conferme, intrighi e smentite si snoda quella che potrebbe rappresentare la telenovela di mercato della prossima estate. L’Inter e Lavezzi

Ci siamo. O forse no. Però può darsi.

Facciamo chiarezza e partiamo dall’inizio. Che Lavezzi sia ormai un separato in casa nel Napoli non dovrebbe più essere un mistero. Se Mazzarri nelle ultime due gare ha fatto a meno del suo titolare principe in piena corsa Champions, qualcosa vorrà pur dire. Lavezzi scalpita. Resta in silenzio ed evita gli ormai famosi mal di pancia tipici dei top player che vogliono cambiare aria (vedi un certo Ibrahimovic). Ma il fatto rimane. L’argentino, talento in forza alla formazione partenopea da ben cinque stagioni, vuole cambiare casacca la prossima stagione e vuole un club di prim’ordine.

A quanto pare, nelle ultime ore c’è stato un avvicinamento tra il presidente De Laurentiis e il patron dell’Inter, Massimo Moratti. Il numero uno partenopeo stamattina si trovava sotto gli uffici della Saras dove lavora il presidente nerazzurro, prima di recarsi in riunione in Lega calcio. E proprio qualche ora dopo è giunto proprio in Lega con notevole ritardo, proprio come Moratti, arrivato in via Rosellini appena dopo De Laurentiis. Dalle dichiarazioni dei due presidenti di certo non se ne è cavato un ragno dal buco, come si suol dire. Fatto sta che è fortemente ipotizzabile l’avvio di una trattativa per portare Lavezzi in nerazzurro, con Moratti che chiede un ribasso della clausola rescissoria e in cambio potrebbe favorire il riscatto di Pandev da parte del Napoli.

El Pocho, questo pare certo, sarebbe pronto a vestire la maglia della Beneamata. E, meno certo ma che circola da più parti, pare che all’argentino sia stato già proposto un contratto di quattro anni a tre milioni e mezzo di euro a stagione.

Di solito si dice che tre indizi fanno una prova. In questo caso di indizi ce ne sono eccome.

Condividi
Nato a Catania il 10 giugno 1987, si è laureato in Scienze della Comunicazione a Bergamo, dove ha cominciato l’attività pubblicistica collaborando con Bergamo&Sport, Bergamosportnews.it e Itasportpress.it. Segue con passione il calcio a tutti i livelli.