Raul, non è ancora finita

Ormai è parte della storia del calcio. I suoi gol, ovunque e in ogni competizione, hanno fatto sì che battesse tutti i record e che diventasse uno degli attaccanti più prolifici e decisivi del calcio europeo di tutti i tempi. Ma, per Raùl Gonzàlez Blanco, il tempo nel calcio che conta potrebbe non essere ancora scaduto.Qualche giorno fa aveva salutato tutti i tifosi dello Shalke 04 e la società aveva addirittura annunciato di voler ritirare la maglia numero 7, appartenuta all’attaccante spagnolo. Il suo destino sembrava segnato: terminare la sua monumentale carriera in Qatar, intascare qualche soldino per poi dire basta e appendere le scarpette al chiodo. Tutto fatto? Ancora no: è notizia delle ultime ore, infatti, secondo quanto riporta il quotidiano britannico ‘TalkSport‘, che ci siano due squadre inglesi (il Fulham e il Newcastle) che vorrebbero ingaggiare il 34enne ex Real e portarlo in Premier League.

Continuare a scrivere pagine importanti di calcio in uno dei campionati più belli del mondo, oppure cedere alle milionarie lusinghe qatariane? In oltremanica lo vogliono insistentemente e cercano di convincerlo. La parola passa ora a Raul, in scadenza a giugno con lo Shalke.

 

Condividi
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.