Roma: shopping a Dortmund?

La sfida alla Juventus incombe, il terzo posto è un obiettivo fisso, il futuro sarà inevitabilmente condizionato dalla prossima vetrina europea. In casa Roma non possono però permettersi di aspettare, c’è un gruppo da rifinire e migliorare: il progetto deve prescindere dai risultati di questo primo anno. E’ il pensiero, più volte espresso, di Franco Baldini e Walter Sabatini. Si puntella quindi il mercato internazionale, alla ricerca di quei quattro “calciatori di qualità” che aumentino il potenziale a disposizione di Luis Enrique e, allo stesso tempo, diano tranquillità alla crescita dei giovani. Arriveranno altri ragazzi ancora poco affermati, si parla del giapponese Kiyotake e del colombiano Murillo.

Uno dei reparti da potenziare, ad ogni costo, è quello difensivo, saranno acquistati almeno due giocatori: un centrale e un esterno. Il Corriere dello Sport ha dedicato oggi una pagina al presunto interessamento dei giallorossi nei confronti di due gioielli del Borussia Dortmund, Subotic e Hummels. Quella tedesca è una bottega molto cara, si parla di richieste intorno ai venti milioni per entrambi; meno sembrerebbe costare, circa tredici milioni, Benedikt Howedes, dei cugini dello Schalke, capitano e talento indiscusso. La Roma dovrà convincersi pienamente della forza di tali elementi prima di pensare ad un esborso così pesante.

Non si affievoliscono le piste riguardanti Garay, Otamendi e Astori. Il ruolo del difensore centrale ha subito una leggera mutazione, i campioni in giro sono pochissimi, perciò chi ha qualcosa di buono lo valuta tanto. Sarà comunque indispensabile assicurare il futuro ad una retroguardia mai così balbettante come in questa stagione; Burdisso resterà sicuramente, Kjaer ha buone possibilità di vedere rinnovato il suo prestito ed uno tra Juan ed Heinze potrebbe essere trattenuto. Per completare il gruppo si spera in un calciatore forte, un calciatore da Roma.

Condividi
Scrive per "Il Quotidiano della Calabria" e "Il Crotonese". Classe '92 ma già con una discreta esperienza alle spalle: ha collaborato con diversi siti internet e anche con la romana Radio Ies. Tra i superstiti del primo MP.