Abidal e quel calvario lungo 9 ore: adesso non resta che la speranza

Eric Abidal continua la sua lotta per sopravvivere. Dopo l’avvenuto trapianto di fegato l’intero mondo calcistico s’interroga sul futuro di questo campione e si augura silenziosamente che la speranza serva ad aiutare il giocatore del Barcellona a tornare alla vita.

L’intervento a cui il terzino francese si è sottoposto è durato ben 9 ore (iniziato alle ore 15, l’operazione si è conclusa verso la mezzanotte). Il trapianto di una parte del fegato (donatagli dal cugino Gerard) è riuscita ma le condizioni del giocatore restano comunque critiche. Abidal si trova ora in terapia intensiva e nelle prossime ore l’ospedale emetterà il tanto atteso bollettino medico ufficiale in cui se ne saprà di più.

Guardiola ha affermato che “le prossime ore saranno determinanti“, il presidente Rosell invece ha detto che Abidal si sta riprendendo, pur non fornendo dettagli più specifici. Insomma, si combatte e si attende fra tensione e speranza, ansia e fiducia.

Una storia di sport, una storia di vita. Eric Abidal non è solo un grande calciatore in difficoltà, è un uomo che sta lottando per non morire. Noi tutti di Mondopallone.it ci uniamo al resto del mondo calcistico nella speranza che questo grande uomo di sport possa riuscire grazie alla sua forza e alla sua voglia di vivere a vincere, tornando a vivere e magari, chissà, a tirare un calcio al pallone.

Condividi
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.