Inter, la parola a Stramaccioni: “Sono un tutt’uno con la squadra. La nostra idea rimane il terzo posto”

Il giovane tecnico dell’Inter, Andrea Stramaccioni, è apparso in conferenza stampa mettendo in chiaro i punti caldi della sua squadra a sette giornate dalla fine del campionato, rivelando di voler ambire ancora a traguardi prestigiosi.

L’ex allenatore della Primavera nerazzurra, innanzitutto, vuole mettere in guardia i suoi uomini in vista dell’impegno contro il Siena di domani sera a San Siro: “Fin qui la squadra di Sannino ha fatto vedere grandi cose – afferma il tecnico interista – i toscani sono riusciti a mettere in difficoltà anche le grandi squadre e quindi dovremo stare molto attenti a non commettere passi falsi. La mia Inter ha dimostrato di essere ancora viva e sento di essere un tutt’uno con la squadra. La Champions? Ci crediamo, la nostra idea è di cercare di raggiungere il terzo posto e la seguiremo finchè la matematica ce lo permetterà“.

Poi il tecnico si sofferma anche sull’aspetto tecnico-tattico da schierare: “Io ho il mio credo calcistico – continua Stramaccioni – e non voglio snaturarlo. Coppia Milito-Pazzini? Penso di continuare a lasciare una sola punta di riferimento in avanti, quindi ne scenderà in campo solo uno e domani deciderò chi tra i due. Oltre a loro, comunque, ho anche Forlàn e Zarate pronti a dare un contributo importante“.

Infine, una battuta sul caso Balotelli: “E’ un patrimonio importante per il calcio italiano – dichiara il tecnico – ma rimane un giocatore del Manchester City. Preferisco parlare solo dei miei giocatori, per il mercato è meglio rivolgersi alla dirigenza“.

 

 

Foto: Inter.it

Condividi
Nato a Catania il 10 giugno 1987, si è laureato in Scienze della Comunicazione a Bergamo, dove ha cominciato l’attività pubblicistica collaborando con Bergamo&Sport, Bergamosportnews.it e Itasportpress.it. Segue con passione il calcio a tutti i livelli.