United corsaro 2-0 in casa del Blackburn. Red Devils a +5 sul City!

Il Manchester United mette una seria ipoteca sulla vittoria della Premier League. I ‘Red Devils’ sfruttano il passo falso del City di Mancini (3-3 col Sunderland) andando a vincere 2-0 in casa del Blackburn e allungando a +5 in vetta alla classifica. Sono 76 i punti degli uomini di Sir Alex contro i 71 dei ‘Citizens’ con sette giornate ancora da giocare e il derby dell’Etihad in programma il 28 aprile alla terzultima gara della stagione. Valencia e Young lanciano lo United sempre più solo al comando della Premier.

FORMAZIONI – Rispetto all’ultimo successo sul Fulham, Sir Alex Ferguson cambia modulo. A ‘Ewood Park’ il tecnico scozzese schiera il 4-3-3 con tridente offensivo composto da Hernandez, Rooney e Valencia mentre a centrocampo, al fianco di Scholes e Carrick, c’è Phil Jones, una sorta di difensore aggiunto sulla mediana. Solo panchina per Giggs, Welbeck ed Ashley Young, out Nani. In casa Blackburn, Steve Kean sceglie gli stessi undici del ko di sette giorni fa in casa del Bolton. L’unica novità è Bradley Orr sulla corsia laterale destra al posto di Formica. Yakubu e Hoilett sono gli uomini che dovranno impensierire la retroguardia dei Red Devils.

EQUILIBRIO A EWOOD PARK – L’approccio alla gara dello United è perfetto. Gli uomini di Sir Alex sono subito padroni del gioco e nel primo quarto d’ora sfiorano un paio di volte il vantaggio con uno scatenato Chicarito Hernandez che all’11’, su assist di Valencia, centra il palo alla sinistra di Robinson, bravo e fortunato poi a recuperare la sfera. Il Blackburn fa fatica ad uscire dal pressing degli avversari, ritmo lento e azioni prevedibili. Il solo Hoilett prova a svegliare De Gea al 18’ con un destro a giro dai 25 metri che costringe il portiere spagnolo a volare e deviare la sfera in corner.
Il finale di tempo è decisamente più divertente: allo scadere i padroni di casa sfiorano nuovamente il vantaggio prima con Marcus Olsson, sinistro potente dal limite, poi con Hanley di testa ma in entrambe le occasioni si ritrovano di fronte un mostruoso De Gea che congela il risultato sullo 0-0.

DOPPIA ZAMPATA, ROVERS KO – Nella ripresa il Manchester aumenta la pressione, avanza il proprio baricentro ma è ancora l’undici di Steve Kean a rendersi pericoloso. Alle conclusioni di Rooney e Rafael risponde Yakubu poi è Pedersen, su calcio di punizione, ad impensierire e non poco De Gea. Ferguson decide così di cambiare: dentro Giggs e Welbeck, fuori Chicharito e Jones. Un cambio che consente agli ospiti di intensificare le azioni d’attacco anche sul settore di sinistra. Il Blackburn si rende pericoloso in contropiede al 77’ quando è provvidenziale l’intervento in anticipo di Evans su Yakubu a due passi dalla porta.
Serve una svolta ai Red Devils, il guizzo di uno dei suoi tanti campioni e puntuale all’81’ è Luis Antonio Valencia a sbloccare la gara con un collo esterno destro che sorprende Robinson. Si spalancano così le porte del successo per la formazione biancorossa che all’86’ concede il bis con il neoentrato Ashley Young, bravo a bucare Robinson con un destro chirurgico dal limite.

TOP MANCHESTER UNITED: Valencia, Evra, Evans. FLOP: Jones.
TOP BLACKBURN: Hoilett. FLOP: Hanley.

Classifica Premier League dopo la 31° giornata
Pos.SquadraPartitePunti|Pos.SquadraPartitePunti
1Manchester United3176|11Norwich3139
2Manchester City3171|12Swansea3139
3Arsenal3158|13Stoke Cty3138
4Tottenham3158|14West Bromwich3136
5Chelsea3153|15Aston Villa3033
6Newcastle3153|16Bolton3029
7Everton3143|17Blackburn3128
8Liverpool3142|18QPR3128
9Sunderland3141|19Wigan3128
10Fulham3139|20Wolves3122
Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it