Il calcio italiano piange la scomparsa di Giorgio Chinaglia

Un nuovo lutto colpisce il calcio italiano. Questa mattina in Florida Giorgio Chinaglia si è spento a 65 anni in seguito a complicazioni cardiache.

Cresciuto calcisticamente in Galles, “Long John” Chinaglia è stato l’indimenticato attaccante della Lazio di Maestrelli che nella stagione 1973/74 riuscì a laurearsi Campione d’Italia. Nel 1976 lasciò la Lazio per trasferirsi negli Stati Uniti con i New York Cosmos, giocando insieme a stelle del calibro di Pelè e Beckembauer. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo nel 1983 fu nominato presidente della Lazio, ma fu costretto a lasciare la carica dirigenziale dopo un solo anno per problemi economici. Successivamente collaborò con Telemontecarlo come opinionista sportivo.

Per la Lazio e per i suoi tifosi una grave scomparsa che arriva a un solo anno di distanza dalla morte di Bob Lovati che nella stagione 1973/74 fu l’allenatore in seconda del compianto Maestrelli.

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal. Email: emodugno@mondosportivo.it