Il calcio italiano piange la scomparsa di Giorgio Chinaglia

Un nuovo lutto colpisce il calcio italiano. Questa mattina in Florida Giorgio Chinaglia si è spento a 65 anni in seguito a complicazioni cardiache.

Cresciuto calcisticamente in Galles, “Long John” Chinaglia è stato l’indimenticato attaccante della Lazio di Maestrelli che nella stagione 1973/74 riuscì a laurearsi Campione d’Italia. Nel 1976 lasciò la Lazio per trasferirsi negli Stati Uniti con i New York Cosmos, giocando insieme a stelle del calibro di Pelè e Beckembauer. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo nel 1983 fu nominato presidente della Lazio, ma fu costretto a lasciare la carica dirigenziale dopo un solo anno per problemi economici. Successivamente collaborò con Telemontecarlo come opinionista sportivo.

Per la Lazio e per i suoi tifosi una grave scomparsa che arriva a un solo anno di distanza dalla morte di Bob Lovati che nella stagione 1973/74 fu l’allenatore in seconda del compianto Maestrelli.

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal.