Europa League, quarti di finale. Athletic Bilbao con un piede in semifinale, vittoria sofferta per l’Atletico Madrid

E’ la spagna ad avere la meglio nella doppia sfida di Europa League contro le compagini tedesche. L’Atletic Bilbao è l’unica a ipotecare il passaggio del turno. Tra sette giorni si tornerà in campo per le gare di ritorno.

 

Quella di Gelsenkirchen è stata senza dubbio la gara con le maggiori emozioni della serata. Tedeschi ottimi in avvio con l’ex milanista Huntelaar subito pericoloso con un diagonale insidioso di poco fuori. Al 19’, però, una serie di errori della difesa teutonica permette a Llorente di portare i baschi in vantaggio. Passa un solo giro di lancette e Raul, imbeccato da Uchida, riporta la parità in campo. Nella ripresa i padroni di casa perdono il loro estremo difensore Hildebrand per infortunio. Raul sale di nuovo in cattedra segnando un splendido gol al volo di sinistro e poi sfiorando la tripletta personale con un morbido lob. L’intensità dello Schalke04 cala improvvisamente e l’Atletic Bilbao prende il sopravvento nell’ultima mezzora. Pareggio al 72’ di Llorente bravissimo ad anticipare di testa la retroguardia avversaria sugli sviluppi di un angolo. Gli ospiti ci credono e aumentano il loro sforzo offensivo; Papadopoulos evita il 2-3 con un anticipo provvidenziale, ma i baschi passano qualche minuto dopo in contropiede con De Marcos. Il finale è vibrante; Huntelaar colpisce il palo dalla distanza e in pieno recupero Muniain mette al sicuro la qualificazione.

Soffre più del dovuto l’Atletico Madrid contro l’Hannover.  Gli uomini di Simeone partono forte e dopo nove minuti sono avanti con Falcao che spizza di testa una punizione dalla sinistra, anticipando l’uscita di Zieler. Il gol di Diouf al 38’ da coraggio ai tedeschi che al rientro dagli spogliatoi mettono alla corde i madrileni, passando addirittura a un modulo 4-3-3 con l’ingresso di Konan. Ci vuole un gran gol del neo entrato Salvio nel finale per regalare la vittoria ai Colchoneros. Tutto ancora da decidere nel return match dell’AWD-Arena.

Terminano 2-1 anche gli altri due incontri della serata a Lisbona e ad Alkmaar. Dopo un primo tempo a reti bianche lo Sporting si scatena nella ripresa con il gol di Izmailov e il raddoppio firmato dalla potentissima punizione rasoterra di Fernandez. Rui Patricio salva il risultato prima su Dedic e poi su Sosa, in pieno recupero, però, è costretto ad atterrare fallosamente Dedic in area di rigore. Cleiton Xavier dal dischetto non sbaglia, riaprendo il discorso qualificazione per gli ucraini.

L’Az Alkmaar resiste all’ottimo avvio di gara del Valencia che si presenta più volte con Salgado dalle parti dell’area di rigore olandese. I padroni di casa passano verso la fine del primo tempo sugli sviluppi di un calcio d’angolo; a inizio secondo tempo Topal realizza l’1-1. Il gol vittoria giunge al 78’ con l’inserimento vincente di Martens su un cross dalla sinistra.

 

Schalke 04-Athletic Bilbao 2-4

Schalke 04 (4-3-2-1): Hildebrand (46’ Schober), Uchida, Matip, Papadopoulos, Fuchs; Jones, Hoger (55’ Holtby); Draxler (56’ Jurado), Farfan, Raul, Huntelaar. All. Stevens

Atletico Bilbao (4-2-3-1): Iraizoz, Iraola, Amorebieta, Martinez, Aurtenetxe (70’ Perez), Ander (46’ Gomez), Iturraspe, Susaeta, De Marcos (84’ Ezika), Llorente (73’ Gomez), Muniain. All. Bielsa

Arbitro: Proenca (Portogallo)

Reti: 19’ e 72’ Llorente (AB), 20’ e 59’ Raul (S), 82’ De Marcos (AB), 92’ Muniain (AB)

 

Sporting Lisbona-Metalist 2-1

Sporting Lisbona (4-2-3-1): Rui Patrício; J.Pereira, Xandão; Polga, E. Insúa, S. Schaars, Daniel Carriço (70’ Neto), M. Izmailov (79’ Carrillo), Fernandez, Capel (71’ Jeffren), Wolfswinkel. All. Sá Pinto

Metalist (4-2-3-1): Goryainov; Villagra, Gueye, Torsiglieri, Obradovic; Torres, Cleiton Xavier, Sosa (92’ Valyaiev), Blanco (77’ Marlos), Taison, Cristaldo (66’ Devic). All. Markevich

Arbitro: Stark (Germania)

Reti: 52’ Izmailov (S), 63’ Fernandez (S), 92’ Cleiton Xavier rig (M)

 

Atletico Madrid-Hannover 2-1

Atletico Madrid (4-4-2): Courtois; Juanfran, Godin, Miranda, Filipe Luis; Turan, Suarez, Gabi, Koke (60’ Diego), Adrian (70’ Salvio), Falcao. All. Simeone

Hannover (4-4-2): Zieler; Cherundolo, Pogatetz, Eggimann, Pander (70’ Schulz), Rausch; Sergio Pinto, Schmiedebach (57’ Konan), Stindl, Schlaudraff, Diouf (82’ Abdellaoue). All. Slomka

Arbitro: Lannoy (Francia)

Reti: 9’ Falcao (AM), 38’ Diouf (H), 89’ Salvio (AM)

 

Az Alkmaar-Valencia 2-1

Az Alkmaar (4-3-3): Alvarado; Marcellis, Moisander, Klavan; S.Poulsen, Maher, Elm; Martens; Gudmunsson,  Altidore (77’ Benschop), Holman. All. Verbeek

Valencia (4-2-3-1): D. Alves; Barragan, R.Costa, Dealbert, Mathieu (77’ Piatti); Topal, Tino Costa; Hernandez, Feghouli (64’ Jonas), Alba, Soldado. All. Unay Emery

Arbitro: Atkinson (Inghilterra)

Reti: 45’ Holman (A), 51’ Topal (V), 78’ Martens (A)

 

 

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal. Email: emodugno@mondosportivo.it