Serie A, le statistiche e i numeri della 29^giornata

Le due sfide di lusso del calibro di Milan-Roma e Juventus-Inter saranno la portata principale della 29^giornata di Serie A. Match che renderanno più entusiasmante l’attuale testa a testa scudetto.

 

Milan-Roma:  il week end calcistico nostrano apre con la classica metropolitana per permettere ai rossoneri di avere qualche ora di riposo in più sulle gambe in vista dell’impegno europeo con il Barcellona. Quella di San Siro è una trasferta che negli ultimi tempi ha portato sembre bene ai giallorossi, vittoriosi in quattro degli ultimi cinque precedenti. L’ultimo pareggio, invece, è del 2004 con Montella che rispose al vantaggio iniziale di Shevchenko.

Palermo-Udinese: Impegno siciliano per l’Udinese che vuole tornare alla vittoria per rimanere in corsa per la Champions League. I friuliani non vincono da tre partite e domenica scorsa non sono riusciti ad avere la meglio sul Napoli, diretta rivale per il terzo posto. Il mese di marzo per gli uomini di Guidolin si è rivelato negativo con l’eliminazione dall’EuropaLeague e due soli punti raccolti in campionato. Il Palermo non concederà nulla e scenderà in campo con la voglia di vendicare il pesante 0-7 della scorsa stagione che costò la panchina a Delio Rossi.

Atalanta-Bologna: Infermeria bergamasca in allarme. Dopo il nuovo infortunio di Capelli, i nerazzurri perdono Marilungo per tutta la stagione e dovranno fare a meno domenica del “Tanque” Denis. Lo stato di forma dell’Atalanta è ottimo; imbattuta da sette giornate, anche se reduce da tre pareggi consecutivi. Il cammino in trasferta del Bologna però  è di tutto rispetto e i felsinei sono riusciti a uscire vittoriosi prima dal Meazza contro l’Inter e poi dall’Olimpico contro la Lazio. E’ del 2005 l’ultimo successo nerazzurro nelle precedenti gare giocate all” “Azzurri d’Italia”.

Cesena-Parma: Derby emiliano-romagnolo al Manuzzi con i padroni di casa quasi condannati al ritorno nel campionato cadetto. Per il Parma è l’occasione migliore per ritornare ai tre punti (non vince dal 5 febbraio) e guadagnare vantaggio sulla terzultima posizione, sperando in notizie favorevoli dalla gara di Novara. Negli unici due precedenti giocati a Cesena i locali non hanno mai vinto; nel 91 Brolin regalò la vittoria agli emiliani mentre la scorsa stagione terminò in pareggio 1-1.

Chievo-Siena: Deluso dal mancato accesso alla finale di Coppa Italia, il Siena si rilancia sul campionato per guadagnare la permanenza in serie A. Nei toscani torna disponibile dal primo minuto in attacco Destro. Il Chievo non vince da tre gare, mentre la sconfitta interna con il Novara ha interrotto la serie vincente dei bianconeri. Negli ultimi quattro precedenti al “Bentegodi” si registrano solo vittorie esterne e per l’ultimo successo scaligero bisognare tornare indietro di almeno sei anni quando nel marzo 2006 il Chievo si impose con un netto 4-1.

Genoa-Fiorentina: sfida tra deluse della stagione con Frey e Gilardino che si scontrano con il loro passato. Lo stato di forma e la classifica delle due compagini sono pessime. Entrambe in cerca di punti pesanti in chiave salvezza e con una serie di risultati che hanno reso poco tranquilli i rispettivi ambienti. I viola in trasferta hanno vinto solo una volta e l’ultima vittoria al Marassi risale al 1982 ai tempi di Giancarlo Antognoni, l’uomo in pole per il dopo Corvino.

 

Lazio-Cagliari: la vittoria del derby doveva rilanciare i biancocelesti e invece gli uomini di Reja hanno subito due pesanti sconfitte con Bologna e Catania. Con i sardi c’è bisogno del risultato pieno per difendere la terza posizione. Lontano dal Sant’Elia ultimamente i rossoblu non brillano con due soli punti in cinque partite disputate. Nei precedenti all’Olimpico l’ultimo pareggio è del 2006.

Napoli-Catania: sfida tutta meridionale che promette scintille. Al San Paolo scendono in campo due delle squadre più in forma del campionato. I partenopei hanno saputo rifarsi dell’eliminazione in Champions, fermando l’Udinese in rimonta e staccando un biglietto per la finale di Coppa Italia. Gli etnei con la salvezza quasi ipotecata posso anche puntare in grande e provare a giocarsi un posto in Europa. Negli ultimi quattro precedenti al San Paolo solo vittorie partenopee con ospiti che non segnano a Napoli dal 2004.

Novara-Lecce: l’incontro più importante in zona salvezza. A Novara ci saranno le attenzioni di un terzo della serie A che dovrà tifare per i piemontesi. Il ritorno di Tesser ha incredibilmente svegliato il Novara, anche se raggiungere la salvezza resta serve un’impresa. Con Palermo e Genoa i salentini hanno perso per strada quattro punti e ora rischiano grosso nella trasferta del “Piola”. E’ la prima volta che le due compagini si sfidano in serie A in terra piemontese.

 

Juventus-Inter: il “derby d’Italia” chiuderà la domenica calcistica. Una partita condizionata negli anni da polemiche a distanze e veleni. Stato di forma totalmente diverso. La Juventus ha interrotto la lunga serie di pareggi con la goleada e di Firenze e si è qualificata per la finalissima di maggio dell’Olimpico in Coppa Italia. L’Inter viene da un inizio di 2012 deludente che lo ha allontanato dalla zona europea; fermando i bianconeri potrebbero fare un grosso regalo ai cugini rossoneri.

Condividi
Nasce a Roma il 30 maggio 1979 mentre il Nottingham Forest di Brian Clough vinceva la sua prima Coppa Campioni. Radiocronista sui campi dell’Eccellenza laziale, adora il calcio minore ed il futsal. Email: emodugno@mondosportivo.it