Ibra-Emanuelson, il Milan vince anche a Parma. Ora a +7 sulla Juve

Rullo compressore Milan. Nonostante la lunga lista di assenti tra infortuni e squalifiche, i rossoneri vincono anche al Tardini di Parma 2-0 con gol di Zlatan Ibrahimovic e Urby Emanuelson. La formazione di Massimiliano Allegri gioca una gran partita, vince, convince e diverte e si porta momentaneamente a +7 sulla Juve impegnata questa sera a Firenze. Un primo tentativo di fuga per il Milan che nel finale di gara ha anche dato il suo bentornato al calcio giocato a Gennaro Gattuso.

Formazioni – Donadoni schiera a sorpresa una formazione abbastanza a trazione offensiva. Biabiany e Jonathan sulle corsie laterali per sfruttare velocità e ripartenze e con Valdes, dietro le due punte Giovinco e Floccari, per mantenere alto il baricentro della squadra gialloblu. Scelte obbligate, ma ormai non è più una novità in casa Milan, per Massimiliano Allegri che manda in campo i pochi giocatori “sani” a disposizione. Ibra ed El Shaarawi in avanti con centrocampo formato da Ambrosini, Nocerino, Muntari ed Emanuelson tra le due linee. In difesa non ci sono Abate, Nesta e Mexes, al loro posto Bonera, Zambrotta e Antonini al fianco del più forte difensore al mondo, Thiago Silva.

IBRA FA 20 IN CAMPIONATO – Buon ritmo e squadre che provano a trovare il varco giusto nei primi minuti. Le prime pericolose iniziative del match sono di marca gialloblu prima con Giovinco, che spara alto sulla traversa da posizione defilata, poi con Valdes che salta netto Bonera al limite ma il suo destro a giro sfiora il palo alla sinistra di Abbiati. Al primo affondo ben costruito, al 17′ il Milan mette la freccia e passa in vantaggio. Solito lancio lungo a cercare Ibra, sponda per l’inserimento da dietro di un centrocampista, in questo caso Emanuelson, che tenta il sinistro stoppato in maniera plateale da Zaccardo con la mano. Per Banti è calcio di rigore e giallo per l’ex difensore del Wolfsburg. Dal dischetto Ibra fa 20 in campionato ed è 1-0 per i rossoneri.
Il Parma accusa il colpo e al 20′ rischia di capitolare per la seconda volta. Calcio di punizione velenosissimo di Ibra, Mirante non è perfetto in presa ed Emanuelson, da due passi, riesce nell’impresa impossibile di alzare sopra la traversa. Un occasione clamorosa non sfruttata dall’ex terzino dell’Ajax. Per diversi minuti la formazione di casa non riesce più a costruire nulla di concreto mentre il Milan conquista la supremazia a centrocampo e con la velocità di Emanuelson ed El Shaarawi si presenta più volte dalle parti di Mirante. Al 33′ altra azione sublime di Zlatan Ibrahimovic: lo svedese sfonda in area di rigore, salta un paio di uomini compreso Zaccardo che lo aggancia sul piede sinistro, sarebbe rigore sacrosanto più sanzione per il difensore già ammonito, ma Banti non concede il secondo penalty agli ospiti.
Dopo aver rischiato grosso di incassare la seconda rete, il Parma aumenta la pressione e per qualche minuto chiude il Diavolo nella propria area di rigore. Ci prova Floccari col sinistro all’altezza del dischetto, Abbiati blocca centralmente, poi l’azione più pericolosa per il Parma con il colpo di testa di Paletta, deviato da Thiago Silva, che accarezza la parte alta della traversa e termina sul fondo. Sul capovolgimento di fronte, la difesa emiliana va in blackout e lancia Ibrahimovic sull’1 contro 1 con Mirante che sceglie però bene il tempo dell’intervento e salva il risultato. Il primo tempo si chiude con altre due importanti occasioni, una per parte. Al 48′ il tiro cross di Biabiany dalla destra che sfiora l’incrocio dei pali poi, sulla ripartenza rossonera, Ibra lancia nello spazio il “faraone” El Shaarawi che con il sinistro centra il primo palo.
Si chiude così con la zampata di Ibra al 17′ una prima frazione di gioco divertente

EMANUELSON STENDE IL PARMA – Parma arrembante nei primi minuti del secondo tempo. Il Milan soffre la velocità dei vari Giovinco, Biabiany, Jonathan e proprio quest’ultimo impegna già al 2′ Abbiati con una conclusione dal limite di destro. Il ritmo dei locali è indiavolato, per qualche minuto la squadra di Allegri non riesce a contenere gli attaccanti del Parma ma, come nel primo tempo, arriva il colpo del ko del Milan che azzanna alla giugulare della partita. Al 55′ sull’ennesima ripartenza, Emanuelson fa tutto da solo, si autolancia sfruttando la posizione di offside passiva di Ibra, salta in velocità Mirante e deposita in rete il gol del 2-0. Il Milan si risveglia e comincia a giocare un gran calcio fatto di verticalizzazioni e tocchi di prima al cospetto di un Parma che fatica ad arrivare all’interno dell’area di rigore cercando per lo più la conclusione da fuori.
Donadoni decide quindi di tentare il tutto per tutto inserendo Okaka al posto di Morrone. Parma ancor più a trazione offensiva mentre Allegri risponde togliendo un ottimo El Shaarawi, inserendo Maxi Lopez. Il cambio non sortisce alcun effetto, merito della straordinaria capacità del Milan di gestire risultato e partita con grande esperienza ma all’84’, tornano di colpo a rendersi pericolosi i gialloblu con Musacci, destro dai 25 metri sporcato da Thiago Silva che costringe Abbiati ad un intervento miracoloso in corner. Che non sia la giornata del Parma lo si capisce quando nei minuti di recupero, Floccari spara un sinistro violentissimo verso la porta di Abbiati con il pallone che centra in pieno la traversa.
Si chiude dunque sul 2-0 il primo anticipo della 28/a giornata al Tardini.

GRANDE ACCOGLIENZA PER RINO Tanti cori e applausi per il ritorno in campo e al calcio giocato di Gennaro Ivan Gattuso. Il centrocampista rossonero, fermo da ben 7 mesi per un problema al nervo ottico, è stato buttato nella mischia da Allegri nel finale di gara ricevendo il “bentornato” dai propri tifosi e dallo sportivo pubblico parmense.

TOP MILAN: Ibrahimovic, Emanuelson, Bonera. FLOP MILAN: Zambrotta.
TOP PARMA:  Giovinco, Valdes. FLOP PARMA: Jonathan.

PARMA – MILAN 0-2

Parma: Mirante, Paletta, Lucarelli, Zaccardo, Biabiany (63′ Valiani), Mariga (26′ Musacci), Valdes, Morrone (72′ Okaka), Jonathan, Giovinco, Floccari. A disp.: Pavarini, Santacroce, Ferrario, Modesto. All.: Roberto Donadoni.
Milan: Abbiati, Zambrotta, Bonera, Thiago Silva, Antonini, Nocerino, Ambrosini, Muntari (91′ Gattuso), Emanuelson (86′ Aquilani), Ibrahimovic, El Shaarawi (77′ Maxi Lopez). A disp.: Amelia, Inzaghi, Mesbah, Yepes. All.: Massimiliano Allegri.
Arbitro: Luca Banti di Livorno.
Marcatori: 17′ rig. Ibrahimovic, 55′ Emanuelson.
Note: Ammoniti Zaccardo, Paletta (P), Antonini, Muntari (M).

Condividi
Giornalista pubblicista nato a Moncalieri il 9/7/86, vive a Formia (LT). Vicedirettore di MondoPallone, telecronista, opinionista e co-conduttore del programma #FuoriGGioco. Adora il calcio estero e la NBA. Email: miannotta@mondosportivo.it