Padova-Torino, la partita infinita: assegnato lo 0-3 a tavolino ai granata.

L’ultimo atto di Padova-Torino si era giocato lo scorso 14 dicembre quando le due squadre erano scese il campo per giocare i restanti 15′ minuti della sfida interrota qualche giorno prima. Ma evidentemente era solo l’inizio di una partita che sembra non avere fine.

Durante la partita, si ricorderà, l’impianto elettrico dello stadio “Euganeo” di Padova aveva subito un black out elettrico che aveva costretto la partita alla sospensione a più riprese. Sul campo i granata di Ventura persero 1-0 ma fecero subito ricorso, richiedendo la vittoria per 3-0 a tavolino per responsabilità oggettiva della società veneta. Il ricorso venne respinto e la classifica non mutò. Ora però il colpo di scena dopo tre mesi pieni di polemiche: il giudice sportivo di Serie B ha infatti accolto l’ulteriore ricorso presentato dal Torino e ha assegnato alla società piemontese la vittoria per 0-3.

Il Padova quindi paga la responsabilità oggettiva per non aver permesso il regolare svolgimento del match e punito è l’operato dell’addetto alla manutenzione dell’impianto di illuminazione.

I più scontenti dopo la sentenza? Ovviamente i veneti, che hanno già presentato l’ennesimo ricorso ma, a questo punto, fra i musi lunghi dobbiamo annoverare anche il Pescara di Zeman, fino ad oggi primo solitario in classifica ed ora retrocesso al secondo posto. Dopo la decisione del giudice sportivo infatti il Torino sale a 62 punti contro i 61 degli abruzzesi.

Padova Torino sembra davvero non finire mai e fa scontenti proprio tutti.

Condividi
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.