Llorente e De Marcos qualificano l’Athletic. Bye bye United

Che il 2012 non fosse un anno fortunato a livello europeo per il Manchester United, lo si era capito dopo la clamorosa eliminazione dalla Champions League durante la fase a gironi. La sconfitta di stasera contro l’Athletic Bilbao, la seconda nel confronto diretto con gli spagnoli, che ha decretato l’esclusione degli inglesi anche dall’Europa League, ha certificato che questa stagione per i Red Devils deve essere considerata, a livello di coppe, assolutamente da dimenticare.

Dopo la grande vittoria 3-2 a “Old Trafford”, i baschi di mister Bielsa si ripetono anche nella partita di ritorno giocata al “San Mames”. Questa volta il risultato è stato di 2-1 in favore dei biancorossi, che legittimano ampiamente un passaggio del turno che in pochi si sarebbero aspettati al momento del sorteggio, ma assolutamente meritato per una formazione che sta disputando un’annata davvero da incorniciare.

Spagnoli in vantaggio con il bomber Llorente che, al 24′, fulmina con un perfetto tiro ad incrociare il portiere degli inglesi De Gea, sfruttando al meglio un lancio di Aurtenetxe. Manchester United che fa fatica a controbattere e padroni di casa che raddoppiano al 20′ della ripresa con De Marcos, in rete anche nella gara d’andata, che risolve una mischia in area Red Devils.

Inglesi storditi e demoralizzati, che riescono col solito Rooney solo ad accorciare le distanze a 10′ dalla fine: bella la rete del “bad boy”, con palla all’incrocio che non lascia scampo al portiere basco. Ultima emozione di una gara condotta per lunghi tratti dall’Athletic Bilbao che vola ai quarti di finale della competizione. Manchester, invece, a casa: i ragazzi di Ferguson, fuori da tutto, potranno ora concentrarsi esclusivamente nella lotta al titolo della Premier League da contendere al City.

 

Condividi
Nato a Fondi (LT) il 18 gennaio 1984, è laureato in Teoria della Comunicazione. Scozzese di adozione, vive a Edimburgo, dalla quale non smette di coltivare le sue sue maggiori passioni: il calcio e la scrittura.