La puntura di Galliani: “Rivalutare l’assetto tattico”

Il tormentone è pronto, di nuovo. Dopo l’era Ancelotti fatta di vittorie ma anche di continui sussurri maliziosi sull’invadenza della società Milan nelle decisioni tecnico-tattiche dell’allenatore, ora arriva puntuale il pungente sfogo dell’ad rossonero Adriano Galliani dopo la sconfitta dell’Emirates Stadium:

Abbiamo sofferto tanto, tanto, tanto, tanto, ma è andata bene. Poi la sofferenza passa e la qualificazione rimane. Cosa abbiamo sbagliato? Lo valuteremo e ragioneremo anche dell’assetto tattico

La sofferenza è stata tanta e questo Milan ha causato qualche preoccupazione, soprattutto per il modo di stare in campo: “Abbiamo sofferto tantissimissimo, ma è andata bene. La sofferenza poi passa mentre la qualificazione rimane. Però certamente abbiamo sofferto tanto. Adesso valuteremo, ragioneremo, ragioneremo dell’assetto tattico, di tante cose, vedremo. Intanto godiamoci questa cosa che da cinque anni non succedeva, cioè di essere nelle prime otto della Champions League

Poi però Galliani cerca guardare il bicchiere mezzo pieno, con i quarti di Champions League che spalancano le porte alla compagine di Allegri: “Credo che ci aiuterà a ritornare anche nelle prime otto del ranking europeo ed è molto importante, perché noi siamo sempre arrivati secondi nel girone perché quando eravamo tra le teste di serie abbiamo beccato il Real Madrid che era nelle seconde otto del ranking, mentre quando siamo finiti noi in seconda fascia abbiamo preso il Barcellona, che è la prima testa di serie. Credo che il passaggio del turno ci faccia guadagnare qualche punto per l’anno prossimo…“.

Parole che testimoniano ancora una volta come la prestazione del Milan ieri non sia stata all’altezza di un team di tal blasone, squadra mentalmente scarica e assetto tattico da rivedere. Allegri è avvisato. Ai prossimi “consigli”…

Condividi
Vive a Formia (Latina) e studia Scienze della comunicazione a Roma. Collabora, oltre che con Mondopallone.it, con Calciomercato.it e con seriebnews.com.