Serie A 26/a giornata: Palermo-Milan 0-4 – Super Ibra e Robinho affondano i palermitani, avanti il prossimo

Chi sostiene che il Milan giochi meglio senza Zlatan Ibrahimovic si deve ricredere, e di brutto pure.

Il primo tiro, dopo pochi secondi dall’inizio, è proprio dello svedese (di madre bosniaca) che, dal linite della area avversaria, ma Viviano respinge.

La risposta del Palermo giunge all’11’ con Edgar Barreto che, dopo un triangolo con capitan Miccoli, passa in mezzo a Bonera e capitan Ambrosini, quindi libera il destro ad effetto, ma Abbiati para sicuro. Gli ospiti passano in vantaggio al ventunesimo: Andrea Mantovani si fa “soffiare” il pallone da Muntari, il quale lo scarica subito su Robinho, che serve immediatamente Zlatan Ibrahimovic che, col mancino, realizza il suo sedicesimo gol in campionato. Si riparte e Miccoli cerca la porta alla stessa maniera del suo compagno, ma ottenendo gli stessi risultati.

Alla mezz’ora i rossoneri raddoppiano: azione corale di ripartenza, Robinho fa di nuovo l’assistman, Zlatan Ibrahimovic ringrazia e non perdona, usando la punta. Il centravanti ex Ajax, Juve, Inter e Barça si ripete al 34′, con un destro a giro dalla trequarti, e la palla termina la sua corsa in fondo al sacco, sul palo più lontano. Passano altri 4 minuti ed i campioni in carica “rischiano” di calare il poker: Emanuelson, dalla fascia sinistra, “sventaglia” dall’altra parte del campo, dove c’è Robinho, che fa da sponda di testa, Ibra stoppa e tira, il portiere di casa salva in angolo con il piede sinistro, e si va quindi negli spogliatoi con questo risultato, già di per sè (a dir poco) “mostruoso”.

Il portiere locale, ad inizio ripresa, deve subito sventare una doppia occasione avversaria: prima sfiora il destro da fuori di Ignazio Abate, alzando il cuoio in angolo e, sugli sviluppi dello stesso, sullo scatenato Zlatan Ibrahimovic. Al 51′ punizione dalla trequarti battuta da Thiago Silva, il cui destro produce solo un tiro dalla bandierina per effetto dell’opposizione del numero uno locale. Poi mister Allegri fa entrare El Sharaawy al posto dell’infortunato Emanuelson (solo una botta per lui), ed il giovanissimo attaccante entra subito nel vivo del match, andando ad impegnare il numero uno di casa al tocco in corner.

Il sigillo finale sul successi si concretizza al 57′: cross d’El Sharaawy, lo stacco di Thiago Silva è perentorio, ed il difensore centrale brasiliano chiude conti ed incontro. Solo a questo punto i rosanero mostrano un poco d’orgoglio: prima Miccoli su punizione, controllata in due tempi dal portiere ospite, poi Edgar Barreto colpisce, con un mancino a girare di prima intenzione, il palo più vicino. Poi viene la volta di Mesbah (subentrato nell’intervallo a Luca Antonini), ma il suo destro da fuori non crea problemi all’estremo difensore di casa. Rovesciamento di fronte, è la volta di Aguirregaray (subentrato a Bertolo) arrivare alla conclusione, che però non crea grattacapi al numero uno rossonero.

Lancio un sondaggio: alla luce di quest’ultima gara, quanti di voi credono ancora che il Milan giochi meglio senza Zlatan Ibrahimovic, giunto a quota 18 marcature? Chi lo crede ancora, può portare come alibi il fatto che al Palermo mancavano Balzaretti e Matias Silvestre, due pilastri della difesa. Daniele Moriggi

PALERMO (3-4-1-2): Viviano 6; Eros Pisano 6, Andrea Mantovani sv, Munoz 6; Giulio Migliaccio 6, Edgar Barreto 6, Massimo Donati 6, Bertolo 6 (49′ Aguirregaray 6); Ilicic 6 (83′ Zahavi 6); Miccoli 6, Budan 6 (58′ Francesco Della Rocca 6). All.: Mutti 6.

MILAN (4-4-2): Abbiati 7; Luca Antonini 6 (1’st Mesbah 6), Thiago Silva 7, Bonera 6, Ignazio Abate 6; Emanuelson 6 (53′ El Sharaawy 6.5), Muntari 6, Ambrosini 6, Nocerino 6; Robinho 7.5 (81′ Filippo Inzaghi sv), Zlatan Ibrahimovic 9. All.: Allegri.

MARCATORI: 21′, 30′ e 34′ Zlatan Ibrahimovic, 57′ Thiago Silva (M).

ARBITRO: Orsato di Schio.

TOP MILAN: Zlatan Ibrahimovic e Robinho. FLOP MILAN: Ambrosini

TOP PALERMO: Viviano FLOP PALERMO: Andrea Mantovani

Condividi
Formato da una redazione dinamica e giovane, MondoPallone.it parla di calcio e respira sport. Sempre sul pezzo, continuamente all'opera per fornire un'informazione pulita, diretta, sincera. Email: redazione@mondosportivo.it